Apre a Milano Spazio Leonardo. Con l’arte evolve il concetto di agenzia di assicurazioni

Sarà inaugurato durante i giorni di Miart, Spazio Leonardo, uno spazio espositivo per giovani artisti all’interno di un’agenzia di Leonardo Assicurazioni a Milano

Spazio Leonardo, Milano
Spazio Leonardo, Milano

Un’agenzia assicurativa, un luogo di lavoro, ma anche uno spazio aperto alla città. Nasce con queste premesse Spazio Leonardo, nuovo concept multifunzionale di Leonardo Assicurazioni – Generali Milano Liberazione, che sarà inaugurato il prossimo 11 aprile, durante l’art week milanese. Scelta non casuale, ma legata alla volontà di inserirsi come uno spazio riconosciuto nella mappa dei luoghi d’arte di Milano con una vocazione precisa all’arte contemporanea e alla promozione di artisti emergenti. E giovane è anche la curatela, affidata a Paola Bonino e Marta Barbieri di UNA, galleria piacentina di recente apertura.

Spazio Leonardo, Milano
Spazio Leonardo, Milano

UN CONTENITORE PER L’ARTE

“La collaborazione tra Spazio Leonardo e UNA”, raccontano ad Artribune Paola Bonino e Marta Barbieri, “nasce in un’ottica di apertura e interdisciplinarietà, al fine di creare un connubio virtuoso tra arte e impresa. Con una specificità: l’attenzione per i talenti emergenti e per la ricerca, che poi è la cifra della nostra galleria”. Paola Bonino e Marta Barbieri hanno fondato UNA Galleria a Piacenza, dopo aver gestito per 3 anni, insieme a Riccardo Bonini e Michele Cristella, Placentia Arte, la galleria aperta da Lino Baldini nel 1991. Un’esperienza conclusa in maniera abbastanza rocambolesca, proprio in seguito ad una rottura con Baldini, come vi avevamo raccontato qui. Ora la nuova avventura, inaugurata subito dalla collaborazione con lo spazio milanese. “Spazio Leonardo è concepito come un organismo che cresce e si modifica, in continua evoluzione”, continua la Bonino, “un luogo di lavoro che si mette a disposizione della città e l’accoglie, arricchendola con nuovi spazi e proposte culturali. Per l’anno 2018, Spazio Leonardo ci ha affidato la direzione della sua Gallery, una lunga parete di 22 metri posizionata all’ingresso della sede e visibile dall’esterno”.

LE MOSTRE

Un progetto espositivo che si snoda attraverso un programma, che si concluderà alla fine del 2018, di tre mostre personali di giovani artisti italiani: Thomas Berra (aprile – giugno); Simone Monsi (giugno – settembre); Irene Fenara (ottobre – dicembre). Ogni artista è invitato a realizzare un progetto site-specific, pensato per la Gallery e le mostre saranno fruibili dal pubblico gratuitamente durante gli orari di apertura dell’agenzia. “La mostra inaugurale”, racconta Marta Barbieri, “è la personale di Thomas Berra, Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo, che aprirà al pubblico il prossimo 12 aprile. Al centro del progetto site-specific è un grande wall painting che occupa tutta la parete della Gallery, una delicata gouache improntata alla pittura segnica e gestuale, su cui si posizionano una serie di lavori su carta e su tela”.

–    Mariacristina Ferraioli

Evento correlato
Nome eventoThomas Berra - Tutti dobbiamo dei soldi al vecchio sarto di Toledo
Vernissage11/04/2018 ore 18 SOLO ED ESCLUSIVAMENTE SU INVITO. Apertura al pubblico dal 12 aprile in avanti.
Duratadal 11/04/2018 al 08/06/2018
AutoreThomas Berra
Generiarte contemporanea, inaugurazione, personale
Spazio espositivoSPAZIO LEONARDO
Indirizzovia della Liberazione 16/a, 20124 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.