Gian Maria Tosatti a Napoli. Un racconto

Galleria Lia Rumma, Napoli ‒ fino al 17 febbraio 2018. La personale è un viaggio dentro la Napoli vera e letteraria, nei luoghi intimi dell’artista. Tosatti porta in galleria il ricordo delle “Sette Stagioni dello Spirito”.

Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli
Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli

Ci sono due presenze importanti nell’ultima personale inaugurata dall’artista Gian Maria Tosatti (Roma, 1980) negli spazi della galleria Lia Rumma a Napoli. La prima è Napoli, che parla per bocca di Anna Maria Ortese, da sempre riferimento dell’artista romano, oggi diviso tra la città partenopea e New York. Il titolo stesso, damasa, riecheggia la protagonista del libro Il porto di Toledo, scritto nel 1975 dall’autrice, famosa per il capolavoro controverso Il mare non bagna Napoli. Poi ci sono le Sette Stagioni dello Spirito, un percorso in altrettante tappe che dal 2013 al 2016 ha riaperto, per mano di Tosatti, luoghi dimenticati della città, ha riattivato quartieri, ha fatto incontrare persone, o le ha invitate a esperire l’opera in solitudine, attraversando – idealmente con l’artista – i luoghi dell’anima, affrontando, anche con un certo timore, i fantasmi che ognuno dei palazzi poi riaperti da Tosatti portava con sé. Artribune ha raccontato più volte questo progetto che offriva, inoltre, una mappatura importante degli aspetti che riguardano una città: il porto, l’anagrafe, la religione, la formazione, e così via.

Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli
Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli

LE SETTE STAGIONI DELLO SPIRITO

Ripercorrere le Sette Stagioni dello Spirito offre l’opportunità di capire meglio la personale damasa e anche di coglierne le differenze, anche se il percorso creato negli spazi di Lia Rumma è a sé stante e con molte opere datate 2017. Innanzitutto cambia il tipo di esperienza. È la seconda volta che l’artista si confronta con l’oggetto mostra inteso in senso convenzionale (la prima era stata al Madre di Napoli, a conclusione del progetto napoletano). In entrambi i casi Tosatti rinuncia all’esperienza in solitaria, introducendo lo spettatore in una dimensione collettiva in relazione al proprio lavoro. In secondo luogo deve confrontarsi con uno spazio bianco, laddove l’abitudine l’aveva invece spinto a dare volti nuovi a pareti scabre, cariche di personalità e di storia, di segni, tracce sulle quali investigare. Nei musei e le gallerie, a servizio degli artisti e dei loro progetti, ogni volta lo spazio torna a essere neutrale, nonostante le tante vicende che i muri potrebbero raccontare.

Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli
Gian Maria Tosatti. Damasa. Installation view at Galleria Lia Rumma, Napoli. © Gian Maria Tosatti. Photo credit Danilo Donzelli. Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano-Napoli

LE OPERE IN MOSTRA

All’ingresso, 700 cementine di ferro, carta di giornali bruciata, un pavimento scelto dall’artista e ricostruito ex novo, un tavolo, reti di letti e una mezza pagnotta – che a ben vedere però non è reale, ma è di onice, in uno scarto inedito per Tosatti tra realtà e finzione – danno vita all’installazione principale e totalmente nuova che dà anche il titolo alla mostra. Nelle sale precedenti e successive si snodano i lavori più piccoli: ad accogliere lo spettatore Rassa, un registratore con traccia audio del 2017, a seguire il dittico e polittico l’Oro di Napoli che richiama alla memoria l’esperienza realizzata dall’artista con i bambini di Forcella. Sotto la coltre nebbiosa della stesura a pastello su carta, attraverso fori praticati a matita che simulano la forma dei proiettili della Camorra emerge l’oro, presente eppur nascosto dalle opacità. L’oro torna nel dittico Inferno che richiama Lucifero, la terza stagione omonima dello Spirito, così come l’intonaco object trouvé I fondamenti della luce- archeologia ne ripercorre alcuni passi. E tra gli ori e le carte compaiono ogni tanto mazzetti di fiori secchi, in omaggio alla compagna dell’artista, Lucrezia Longobardi, presenza delicata, ma sostanziale in tutti i suoi lavori. Chiude il cerchio l’opera Ritratto/Autoritratto, una doppia lastra in onice e in foglia d’oro su tavola di legno che riflette, nella sua semplicità, l’idea del sé.

Santa Nastro

Evento correlato
Nome eventoGian Maria Tosatti - Damasa
Vernissage19/11/2017 ore 11-19
Duratadal 19/11/2017 al 20/01/2018
AutoreGian Maria Tosatti
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA LIA RUMMA
IndirizzoVia Vannella Gaetani 12 - 80121 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.