L’arte e il design italiano alle Olimpiadi invernali della Corea del Sud

Opere d’arte contemporanea e design rigorosamente made in Italy all’interno del golf club Yong Pyong di Pyeongchang, in Corea del Sud, che ospita gli atleti azzurri durante le Olimpiadi invernali

Valerio Rocco Orlando, 나는 누구인가?, 2015. Yellow neon light, 20x100cm. Installation view, Korea Foundation, Seoul
Valerio Rocco Orlando, 나는 누구인가?, 2015. Yellow neon light, 20x100cm. Installation view, Korea Foundation, Seoul

Sono appena iniziati a Pyeongchang, in Corea del Sud, i tanto attesi Giochi Olimpici invernali. Tra tentativi di disgelo tra la Corea del Nord e la Corea del sud che, per la prima volta dalla separazione, hanno scelto di far sfilare in alcune discipline i propri atleti sotto un’unica bandiera, temperature straordinariamente rigide e un’improvvisa epidemia di norovirus, un virus altamente contagioso, la Corea del Sud ha dato il via all’edizione invernale delle Olimpiadi che si concluderanno il prossimo 25 febbraio. Non mancano naturalmente gli atleti italiani che sono ospitati all’interno del Yong Pyong Golf Club, un grande chalet di vetro immerso nella natura. E, come già avvenuto a Rio de Janeiro nel 2016, non manca all’interno degli spazi un progetto espositivo con opere d’arte contemporanea e di design rigorosamente made in Italy.

CASA ITALIA

Si intitola PROSPECTUM, il progetto voluto dal Coni e curato da Benedetta Acciari e Beatrice Bertini della galleria Ex Elettrofonica e da Claudia Pignatale di Secondome Design Gallery. Un titolo non casuale, Prospectum, che deriva dal latino e significa portarsi avanti, che rimanda alla complessità culturale del nostro Paese sospeso tra la grande tradizione e l’eccellenza contemporanea nel design e nell’arte. Gli artisti invitati sono: Gea Casolaro, Cristian Chironi, Carlo e Fabio Ingrassia, Davide Monaldi, Maurizio Nannucci, Valerio Rocco Orlando, Patrick Tuttofuoco, Massimo Uberti; mentre il design made in Italy è rappresentato dalle aziende: Edra, Bross, Glas Italia, Riva 1920, Ethimo, Slamp.

LE OPERE IN MOSTRA

Un percorso espositivo che attraversa l’intero chalet con opere che rimandano all’interazione e alla convivenza tra le culture, in perfetto spirito olimpico. Tra le sedute di maestri del design made in Italy come Alessandro Mendini e Michele De Lucchi, ritroviamo l’installazione luminosa Welcome di Patrick Tuttofuoco e il neon Who I’m? di Valerio Rocco Orlando, realizzato in caratteri coreani proprio durante una residenza a Seul nel 2015. La mostra continua con le Astrazioni Novecentiste dei gemelli Carlo e Fabio Ingrassia che dipingono all’unisono composizioni di dimensioni infinitesimali, e una grande tenda in pvc di Cristian Chironi che domina la sala ristorante. Gea Casolare, invece, presenta l’opera South #01: una serie di immagini di paesaggi realizzati in Nuova Zelanda, che è agli antipodi rispetto alla Corea, mostrate capovolte. Completano il percorso della mostra CasaLuce di Massimo Uberti, la Carta da parati di Davide Monaldi e un’installazione luminosa di Nannucci.

– Mariacristina Ferraioli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.