Con l’animo di un pittore. Andreas Gursky a Roma

Gagosian Gallery, Roma – fino al 3 marzo 2018. La sede romana di Larry Gagosian festeggia il suo decimo anniversario scegliendo uno degli artisti più significativi del nostro tempo. In mostra è “Bangkok”, una serie mai esposta in Italia prima d’ora. Tra fotografia e “pittura” digitale.

Dimentichiamo per un attimo l’Andreas Gursky (Lipsia, 1955; vive a Düsseldorf) del sistema capitalistico globale e dell’attenzione maniacale per i dettagli; oppure richiamiamolo alla mente perché Bangkok non ne è così lontana. Se ci mettiamo al centro della galleria e osserviamo questa serie a una certa distanza, quello che vediamo ha tutta l’aria di essere una collezione di dipinti astratti: il senso della composizione, il colore, la scala, i toni ricordano molto di più un pittore che il fotografo tedesco.
Se invece ci avviciniamo, ci accorgiamo di essere di fronte alle tipiche fotografie di Gursky, quelle di immenso formato, manipolate digitalmente e che trovano nel mondo contemporaneo i loro soggetti. Vediamo, allora, l’inquinatissimo fiume Chao Phraya, le cui increspature riflettono il cielo e lasciano emergere una discarica di rifiuti.
Anche la fotografia satellitare Ocean VI ha un non so che di pittorico: a osservarla bene è molto più vicina a quel sublime dei paesaggi marini dipinti che alle rappresentazioni cartografiche alle quali, di primo acchito, sembra rimandare.

Francesca Mattozzi

Evento correlato
Nome eventoAndreas Gursky - Bangkok
Vernissage14/12/2017 ore 18
Duratadal 14/12/2017 al 10/03/2018
AutoreAndreas Gursky
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGAGOSIAN GALLERY
IndirizzoVia Francesco Crispi 16 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Mattozzi
Francesca Mattozzi ha un background da danzatrice che l’ha vista lavorare sia in TV che a teatro con coreografi di fama internazionale, quali Luca Tommassini e Martino Müller. È laureata in storia dell’arte e dell’arte ama soprattuto gli eventi perché, grandi o piccoli che siano, le permettono di esplorare e raccontare il panorama artistico e culturale contemporaneo. È curioso, ma quando non vedete Francesca a una vernice, una performance o un finissage, la trovate chissà dove a pianificare le prossime avventure.

LEAVE A REPLY