La prima volta di Luigi Presicce con la scultura. Un bassorilievo per il Castello di Conversano

L’artista presenta un’installazione permanente pensata per il Castello di Conversano, che sarà inaugurata il 16 dicembre. Il progetto racconta il dialogo tra religioni e culture, con ispirazioni di sapore moresco.

Luigi Presicce
Luigi Presicce

‘La lotta imperitura con gli Ottomani’, bassorilievo in bronzo firmato Luigi Presicce chiude, nel Castello di Conversano, il progetto ‘Arte Open Air. Sculture all’aperto’, promosso della Fondazione Pino Pascali nell’ambito del ‘SAC Mari tra le mura ‘ e curato da Rosalba Branà, Antonio Frugis, Susanna Torres e Nicola Zito. L’opera dell’artista salentino completa l’iniziativa che punta all’inserimento permanente di sculture nei luoghi dei Sac, di cui, oltre Conversano, fanno parte anche il Castello di Mola di Bari, il Museo del Fischietto di Rutigliano, il giardino delle sculture della Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare. L’obiettivo è quello di innestare in un percorso turistico, un museo di arte contemporanea ‘en plein air’, fatto da opere connesse all’identità delle location e dunque in grado di potenziarne l’offerta culturale.

dettaglio dell'opera di Luigi Presicce a Conversano
dettaglio dell’opera di Luigi Presicce a Conversano

UN MEDIUM INCONSUETO

Presicce, votato per l’occasione ad un medium per lui inconsueto, inanella rimandi multilinguistici tra passato e presente contando su suggestioni da un universo moresco in odore di guerra santa. Sullo sfondo di un contemporaneo immerso in fondamentalismi che rigurgitano il più retrivo medioevo, il sincretismo di Presicce parte da suggestioni locali, cioè dal ‘Duello tra Raimondo di Tolosa ed Argante’  del ciclo della Gerusalemme liberata di Paolo Finoglio (ospitato nella Pinacoteca comunale di Conversano), e arriva alla Medea di Pasolini senza dimenticare creature provenienti da un bestiario che tiene insieme Occidente cristiano e Oriente induista con una focalizzazione metastorica dei moderni conflitti religiosi.

Marilena Di Tursi

Evento correlato
Nome eventoA Conversano. Luigi Presicce
Vernissage16/12/2017 ore 18,30
Duratadal 16/12/2017 al 16/12/2017
AutoreLuigi Presicce
Generiarte contemporanea, presentazione
Spazio espositivoPOLO MUSEALE DI CONVERSANO MUSECO
IndirizzoCastello Acquaviva d’Aragona - Conversano - Puglia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marilena Di Tursi
Marilena Di Tursi, giornalista e critico d'arte del Corriere del Mezzogiorno / Corriere della Sera. Collabora con la rivista Segno arte contemporanea. All'interno del sistema dell'arte contemporanea locale e nazionale ha contribuito alla realizzazione di numerosi eventi espositivi, concentrandosi soprattutto sulla promozione dei giovani artisti pugliesi dal 1988 fino ad oggi. È autrice di numerose pubblicazioni e di testi critici di presentazione dell’opera di giovani artisti, contenuti in cataloghi redatti in occasione di mostre personali e collettive. Per conto della Fondazione Corriere della Sera, in qualità di membro del consiglio scientifico, ha curato cicli di incontri dedicati all’arte contemporanea nell’ambito dell’iniziativa “Da Est a Ovest Bari incontra il mondo” (2015/2016) e “Quanto è contemporanea l’arte contemporanea?” (2016, con Marco Scotini, Achille Bonito Oliva, Domenico Fontana, Marco Senaldi). Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi in Storia dell’arte contemporanea, ha conseguito la specializzazione triennale in storia dell’arte medievale e moderna presso l’Università “La Sapienza” di Roma e il titolo di Dottore di ricerca in Documentazione, catalogazione, analisi e riuso dei beni culturali presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari. Insegna Storia dell’arte nel locale Liceo artistico.

1 COMMENT

  1. Passando davanti a delle finestre aperte da cui si poteva udire il suono di un violino, pensò:
    “Ma si, domani scrivo anch’io una Sinfonia.”

Comments are closed.