Il rapporto con la città. Ugo La Pietra a Milano

Galleria Bianconi, Milano – fino al 28 ottobre 2017. La galleria meneghina fa da cornice ai temi sviluppati da Ugo La Pietra dagli Anni ’60 a oggi. Includendo anche un’installazione di Lucio La Pietra.

Lo sviluppo di una maggiore consapevolezza ecologica ha reso l’uomo occidentale più sensibile rispetto all’interdipendenza uomo-ambiente. L’agire umano ha trasformato radicalmente il proprio habitat, imponendo delle riflessioni che Ugo La Pietra (Pescara, 1938) ha sviluppato fin dagli Anni Sessanta, anticipando temi che oggi sono parte integrante della coscienza civile. Nella mostra alla Galleria Bianconi viene presentata una selezione di opere di diversi periodi, divise per tematiche, dalle quali emerge la coerenza con cui l’artista-architetto ha sempre evidenziato le criticità della contrapposizione spazio urbano-campagna e centro-periferia, oltre alla fiducia in uno sviluppo non distruttivo ma rigenerativo.
Una dimensione maggiormente onirica emerge soprattutto nelle opere più recenti, dai vasi di terracotta che contengono miniature di case con giardino ai segni fitti e ossessivi che connotano i dipinti, in cui la crescita della città viene vista come un irrazionale fiume in piena. Il rapporto con Milano, città d’adozione che compare in diverse opere di Ugo, anima anche l’installazione di Lucio La Pietra, in cui gli spostamenti nello spazio urbano vengono rapportati a un gioco in cui la libertà e il caso si rivelano essere solo un’illusione regolata da codici matematici.

Andrea Lacarpia

Evento correlato
Nome eventoUgo La Pietra - Territori
Vernissage28/09/2017 ore 18
Duratadal 28/09/2017 al 28/10/2017
AutoreUgo La Pietra
Generedesign
Spazio espositivoGALLERIA BIANCONI
IndirizzoVia Lecco 20 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Andrea Lacarpia
Laureato in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera, si occupa d’arte contemporanea come curatore e critico. Ha curato diverse mostre in spazi pubblici, gallerie private e associazioni. Dalla fine del 2012 dirige Dimora Artica, realtà non profit e progetto curatoriale dedicato alle connessioni tra arte contemporanea e cultura tradizionale. Dal 2015 collabora con Progetto Città Ideale come direttore artistico di Edicola Radetzky, edificio storico rigenerato come spazio espositivo.