L’antologica di un giovane selvaggio. Thomas Lange a Palermo

ZAC, Palermo – fino al 10 settembre 2017. Settanta dipinti, dagli Anni Settanta a oggi. È una antologica completa, quella presentata nel capoluogo siciliano. Per celebrare uno dei pittori tedeschi più interessanti della sua generazione.

Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017, courtesy Atelier Thomas Lange, photo Enzo Alessandra
Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017, courtesy Atelier Thomas Lange, photo Enzo Alessandra

È l’hangar delle ex officine Ducrot, ZAC – Zisa Zona Arti Contemporanee, all’interno dei Cantieri Culturali di Palermo, a ospitare in Italia la prima antologica del pittore Thomas Lange (Berlino, 1957), interprete della scena underground tedesca dei Giovani Selvaggi.
Una selezione di circa settanta dipinti di grande formato equivale, secondo il discorso curatoriale, a un’esplosione centrifuga di mistica sensualità che converge in un epicentro, un’installazione-scenario di sculture in ceramica, e apre al modulo tridimensionale Vuoto, realizzato nel 2015 per la Fondazione Volume!, in occasione della mostra Passages al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Saint-Étienne Metropole. Qui il pubblico respira la pittura di Lange, immergendosi in un ambiente di colori acrilici e a olio dove il vissuto dell’artista si riversa a spatolate, disordinatamente.

Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017, courtesy Atelier Thomas Lange, photo Enzo Alessandra
Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017, courtesy Atelier Thomas Lange, photo Enzo Alessandra

UN ANDAMENTO CRONOLOGICO

Quadri a Strisce, Uomini delle Caverne, Il Santo Momento, Dopo Caravaggio, Melodia Apocalittica, Golgota, Vera Icona: lungo un ordinamento cronologico dagli Anni Settanta a oggi, il percorso si snoda attraverso i cicli pittorici più celebri. Opere inedite, invece, provengono dall’atelier di Lange: tra queste, la collezione di ritratti di famiglia e del compagno di vita Mutso Hirano, allestita al centro dell’hangar in un percorso a gincana. Omaggio a Palermo e al suo passato arabo-normanno, infine, è la monumentale tela del 2017 dedicata a Federico II di Svevia, alla cui sanguigna fisionomia il pittore tedesco sovrappone il proprio autoritratto.
Storia privata, storia pubblica e storia dell’arte si mescolano nella tavolozza di Lange in una dialettica senza fine tra ieri–oggi–domani. La tela assurge a macchina del tempo, dove sedimentano dal fondo del dipinto citazioni da Masaccio, Dürer o Caravaggio, mischiandosi a frame contemporanei da rotocalco. L’artista costringe a calarsi fra gli spessori delle epidermidi pittoriche, scavando nella memoria individuale e collettiva, in una vertigine tra astrazione e figurazione.

Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017
Thomas Lange a Palermo, exhibition view at ZAC, 2017

LA PITTURA AL CENTRO

Al centro della ricerca di Thomas Lange sta la pittura, sperimentata e riformulata in ogni quadro, spasmodicamente, in una sorta di danza corpo a corpo con la tela, ora cancellata da ampie pennellate e dense colature, ora disegnata con il tubetto del colore a olio, ora ridipinta grossolanamente in superficie.
La pittura di Thomas Lange è potentemente visionaria e selvatica; è narrazione pur senza rappresentazione; racconta la vita e la morte; sperimenta la battaglia senza fine tra ordine e caos; seduce il cervello e afferra allo stomaco. E, per tutte queste ragioni, la pittura di Thomas Lange evoca Palermo.

Giusi Affronti

Evento correlato
Nome eventoThomas Lange a Palermo
Vernissage07/07/2017 ore 19
Duratadal 07/07/2017 al 10/09/2017
AutoreThomas Lange
CuratoriDavide Sarchioni, Lorenzo Calamia
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoZAC - ZISA ZONA ARTI CONTEMPORANEE
IndirizzoVia Paolo Gili 4 - Palermo - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.