Quando la pittura non basta. Alex Urso nelle Marche

Galleria Centofiorini, Civitanova Marche – fino al 25 giugno 2017. Alex Urso e la sua evasione dalla bidimensionalità della superfice pittorica animano gli spazi della galleria marchigiana.

Alex Urso. Non toccare desiderio. Exhibition view at Galleria Centofiorini, Civitanova Marche 2017
Alex Urso. Non toccare desiderio. Exhibition view at Galleria Centofiorini, Civitanova Marche 2017

Le opere di Alex Urso (1987) non sono semplici collage. L’artista conosce bene l’arte, il suo percorso denota un carattere attento alla ricerca e a una chiara e continua evoluzione che inizia con il desiderio di liberarsi dai limiti bidimensionali imposti dalla pittura. È così che nascono composizioni scenografiche in cui l’osservatore diventa spettatore, e l’immagine di un uccellino, tra opera e fruitore, interagendo con quest’ultimo, lo invita a unirsi per osservare la scena e permettergli di sentirsi parte integrante della stessa composizione; qui un oggetto-soggetto diventa l’incipit di uno spettacolo che varia a seconda dell’interpretazione di chi lo osserva. La mostra prosegue con una seconda serie di opere in cui le immagini, posizionate su di uno stesso piano, vengono estruse: composizioni floreali e scene riprese dal famoso Trittico di Danzica che, isolate dal loro contesto, producono nuove rappresentazioni.

– Emanuele Gurini

Evento correlato
Nome eventoAlex Urso / Centolinguaggi - Interviste/Conversazioni
Vernissage17/06/2017 ore 18,30
Duratadal 17/06/2017 al 25/06/2017
AutoriSilvia Argiolas , Francesca Gentili, Marco Luzi, Alessandro Finocchiaro, Silvia Mei, Mirko Baricchi, Giulio Catelli , Alex Urso, Giuliano Sale
CuratoriMarta Silenzi, Solidea Ruggiero
Generiarte contemporanea, personale, collettiva
Spazio espositivoGALLERIA CENTOFIORINI
Indirizzo Via Nazario Sauro, 12 - Civitanova Marche Alta - Marche
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuele Gurini
Emanuele Gurini (Loreto, 1989) è critico d’arte e curatore indipendente. Si occupa prevalentemente di arte e teoria dell’arte e del rapporto che intercorre tra le arti visive e le nuove tecnologie. Tra i suoi interessi, la poesia verbo-visiva e gli scambi tra immagine e parola nella cultura italiana del secondo Novecento.