Grayson Perry torna in mostra alla Serpentine Gallery: progetto partecipativo sulla Brexit

Il processo che porterà il Regno Unito a lasciare l’Unione Europea è lento ma inesorabile, la Brexit sta accadendo davvero e gli artisti inglesi fanno sentire la loro voce.

Il progetto sulla Brexit di Grayson Perry

Dopo i 25 posters in favore del Remain ad opera del fotografo Wolfgang Tillmans, che si impegnò nel 2016 in una vera e propria campagna divulgativa, un altro artista offre la propria visione sulla situazione inglese. Grayson Perry (Chelmsford, 1960), tra gli sguardi più acuti e astuti sulla società contemporanea, presenterà l’8 giugno alla Serpentine Gallery di Londra la sua ultima, eterogenea produzione nella mostra Grayson Perry: The Most Popular Art Exhibition Ever!. Nella galleria londinese verranno finalmente svelati – e forse non è un caso che questo avvenga proprio nel giorno dell’election day – i due enormi vasi dal titolo Matching Point, un’opera dedicata agli schieramenti pro e contro la Brexit, i Leavers e i Remainers.

UN PROGETTO NATO DAL WEB

Le due urne blu, entrambe decorate con le immagini delle persone che animano le due fazioni appaiono identiche. Ed è come se l’artista avesse voluto dimostrare che il numero delle cose in comune tra le persone sono maggiori di quelle che le separano, ideologie a parte.
Il progetto nasce infatti sul web, con un’idea di crowdsourcing alla base. Perry ha chiesto al pubblico di inviare idee e motivazioni che hanno contribuito alla costruzione dell’opera (ad esempio la scelta del colore). L’intero processo si è concluso su Channel 4, con il documentario Grayson Perry: Divided Britain. Il risultato sorprendente e toccante coincide con la similarità di spunti che l’artista ha ricevuto, nonostante le opinioni divergenti, sulle sorti del paese. Se Tillmans è stato definito militante, per aver messo in guardia sulle conseguenze della Brexit, Perry prepara i collezionisti con la stessa enfasi sul prezzo della sua opera, che preannuncia alto: “They took me five months’ work”, “ho lavorato per cinque mesi a questo progetto”, è il suo commento finale.

Alessandro Tini 

Serpentine Gallery
Kensington Gardens, London W2 3XA, Regno Unito
www.serpentinegalleries.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.