Cibo, arte e materia prima. Lucia Leuci a Milano

Fondazione Adolfo Pini, Milano – fino al 14 luglio 2017. Tra installazione e arte materica, si apre l’ultima personale di Lucia Leuci a cura di /77 che riflette, attraverso il cibo, sul rapporto tra forma e sostanza. Ma non chiamatelo Food Design.

Sotto un cielo a cassettoni, tra orologi a pendolo e piani di ruggine, affiorano cinque piatti, due in coppia, neri, e poi altri tre, il verde, l’azzurro e il marrone. Subito vengono in mente le stagioni della terra, la semina e il raccolto, l’inverno senza frutti, i pollini a primavera, l’estate al mare. Sono chiusi in teche di vetro sormontate da archi quali oggetti sacrali, inaccessibili e muti. Operazione colta di Food Design? Lucia Leuci (Bisceglie, 1977) supera ogni didascalismo e intavola una riflessione sul cibo come materia oltre che come oggetto di culto. La materia-cibo, degradabile ed effimera, necessita per forza di una forma per imporsi come “sostanza”? Che significato ha la sua sublimazione in arte in un tempo in cui la cucina è creatività prima ancora che tradizione? Le cornici delle opere sono due: la teca e il piatto. E la materia organica, oggetto tridimensionale su tela, rivendica, dall’interno, il suo valore, ancora tutto da stabilire.

Marta Milasi

Evento correlato
Nome eventoLucia Leuci - Materia prima
Vernissage18/05/2017 ore 18,30
Duratadal 18/05/2017 al 14/07/2017
AutoreLucia Leuci
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE PINI
IndirizzoCorso Garibaldi, 2 20121 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Milasi
Marta Milasi è autrice ed editor-in-chief dell’e-commerce al femminile mysecretcase.com, per il quale cura delle rubriche settimanali su UrbanPost, Marie Claire, Donna Moderna e Lahar Magazine, tra gli altri. Scrive di arte, design ed illustrazione su Polkadot e MilanoFree ed insegna scrittura creativa presso alcune associazioni culturali di Milano. Laureata in Lettere Moderne all'Università degli Studi di Milano con una tesi su Dostoevskij, ha iniziato a guardare film d’autore a 5 anni e non ha più smesso. Oltre al cinema, ama l’arte contemporanea, le arti grafiche, i romanzi russi e le poesie italiane. Non se la cava affatto male con la musica, di cui è ottima conoscitrice.