SOS democrazia. Will Benedict a Milano

Galleria Giò Marconi, Milano – fino al 24 marzo 2017. Dieci opere più una compongono la personale più politica realizzata dall’artista americano. Tra meta-quadri, acquerelli su foam, alieni e musica noise.

Will Benedict. The Social Democrat. Installation view at Galleria Giò Marconi, Milano 2017 © Armellin F.
Will Benedict. The Social Democrat. Installation view at Galleria Giò Marconi, Milano 2017 © Armellin F.

Due, tre, quattro volte. La nuova personale di Will Benedict (Los Angeles, 1978) merita più di un’incursione, come quei libri che, sotto la superficie di una fabula già vista, nascondono una nuova sconcertante verità. Se a una prima “lettura” verrà automatico ascrivere il suo lavoro alle categorie della meta-arte, della comunicazione transmediale o del figurativismo astratto più superato, in seguito ci si accorgerà degli interessanti accostamenti materici (fotografie su pannelli di schiuma acquerellati, cornici di alluminio vetrate), ma soprattutto di una calma apparente e disturbante. E il disturbo è lì, nel video I am a problem presentato in anteprima alla Biennale di Berlino, l’opera più politica e interessante dell’artista, qui alle prese con un video musicale industrial-noise che ha per protagonisti un alieno e un noto giornalista televisivo. Ed è lì, tra una Tour Eiffel radiosa e una Londra apocalittica, che The Social Democrat rivela il suo senso: il grido disperato di una democrazia in estinzione.

I AM A PROBLEM from Berlin Biennale on Vimeo.

Marta Milasi

Evento correlato
Nome eventoWill Benedict - The Social Democrat
Vernissage16/02/2017 ore 19
Duratadal 16/02/2017 al 24/03/2017
AutoreWill Benedict
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGIO' MARCONI
Indirizzovia Tadino 20 20124 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Milasi
Marta Milasi è autrice ed editor-in-chief dell’e-commerce al femminile mysecretcase.com, per il quale cura delle rubriche settimanali su UrbanPost, Marie Claire, Donna Moderna e Lahar Magazine, tra gli altri. Scrive di arte, design ed illustrazione su Polkadot e MilanoFree ed insegna scrittura creativa presso alcune associazioni culturali di Milano. Laureata in Lettere Moderne all'Università degli Studi di Milano con una tesi su Dostoevskij, ha iniziato a guardare film d’autore a 5 anni e non ha più smesso. Oltre al cinema, ama l’arte contemporanea, le arti grafiche, i romanzi russi e le poesie italiane. Non se la cava affatto male con la musica, di cui è ottima conoscitrice.