Indagini sulla figura umana. Nick Devereux a Roma

Museo Pietro Canonica, Roma – fino al 30 aprile 2017. Nell’ambito del ciclo espositivo “Fortezzuola”, curato da Pier Paolo Pancotto e promosso da Roma Capitale, il museo ospita la personale dell’artista panamense di stanza a Parigi. Un’indagine contemporanea sulla figura umana, tra sculture eroiche, vibranti bozzetti e consolle tardo barocche.

L’intimità della casa del poliedrico Canonica è un’interlocutrice privilegiata del progetto di Nick Devereux (Panama, 1978). Le opere, inglobate e celate dall’allestimento museale, appaiono fenditure sul substrato della materia. L’artista ha ideato un percorso site specific attorno alla figura umana, ora moltiplicando lo spazio mediante dipinti-paravento ispirati a bozzetti teatrali firmati Adolf Francois Appia, ora intervenendo su stampe di acrobati, su cartoline postali ingiallite e ancora, su ritratti familiari di ignoti borghesi del XIX secolo, per trasfigurarne la forma, nello sforzo di liberare la materia fluida sottostante. Volti vissuti in epoche passate, statue romane acefale custodite nel caveau della villa, busti classicistici in vetro sono tutti partecipi della metamorfosi della vita, dove le sembianze umane mutano in un amalgama informe che rinvia all’inquietudine delle figure incorporee di Francis Bacon e lascia disorientati.

Fabio Massimo Pellicano

Evento correlato
Nome eventoNick Devereux
Vernissage10/03/2017 no
Duratadal 10/03/2017 al 30/04/2017
AutoreNick Devereux
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEO PIETRO CANONICA
IndirizzoViale Pietro Canonica 2 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Massimo Pellicano
Fabio Massimo Pellicano (Roma, 1984). Pittore da sempre, o quasi. Avvocato da circa metà decade, ovvero la metà del tempo da cui scrivo come pubblicista. Arte, antiquariato, diritto: se inverti l’ordine delle parole il risultato non muta. Ho collaborato con l’agenzia di stampa DIRE, scrivo per riviste specializzate di diritto pubblico (Giustamm.it) e di arte per la Gazzetta Regionale.

1 COMMENT

Comments are closed.