Luca Pancrazzi e il suo passato. A Siena

Museo d’Inverno, Siena – fino al 25 marzo 2017. Trent’anni di relazioni e collaborazioni tra Luca Pancrazzi e i suoi colleghi, amici, maestri. A Siena continua a vivere la storia dell’arte contemporanea “vista attraverso gli occhi degli artisti”.

Luca Pancrazzi, Space Avalaible. Spazio espositivo autonomo, vetro satinato. Collezione permanente Musei d’Inverno-progetto Diòspero
Luca Pancrazzi, Space Avalaible. Spazio espositivo autonomo, vetro satinato. Collezione permanente Musei d’Inverno-progetto Diòspero

Trent’anni di dialoghi, scambi intellettuali ed editoriali con colleghi artisti, amici, maestri: è questo il fil rouge che lega la mostra Io. Noi. Voi… con cui Luca Pancrazzi (Figline Valdarno, 1961) è protagonista a Siena, all’interno dell’innovativo progetto Museo d’Inverno. Nel piccolo spazio ricco di fascino, sospeso sulle antiche fonti medievali e messo a disposizione dalla Contrada della Lupa, gli artisti Francesco Carone ed Eugenia Vanni hanno dato vita a una formula vincente di scatole cinesi e relazioni: qui gli artisti (ma anche creativi, architetti…) vengono invitati a esporre pezzi custoditi dalle loro collezioni private, frutto appunto di un passato fatto di legami e condivisione.

Juan Sebastián Peláez. Project room in realtà aumentata a cura di Miltos Manetas. Museo d’Inverno, Siena 2017
Juan Sebastián Peláez. Project room in realtà aumentata a cura di Miltos Manetas. Museo d’Inverno, Siena 2017

I MODI DEL COLLEZIONARE

La mostra di Pancrazzi è, in questo senso, un inno a un diverso modo di collezionare. L’idea stessa dello scambio tra artisti è il fulcro del lavoro che si articola in due momenti distinti: in una prima sala trovano spazio le opere da lui selezionate tra il proprio patrimonio (firmate da Marescalchi, Schifano, Boetti, solo per citarne alcune), mentre nella seconda sala ci attende un viaggio attraverso le testimonianze degli eventi, i luoghi e i percorsi che a queste collaborazioni hanno dato gambe, cataloghi, manifesti, inviti, riviste autoprodotte, momenti di incontro e condivisione.
Conosciuto per la sua ricerca attraverso la pittura, il disegno, la fotografia, il video, l’installazione ambientale e la scultura, infatti, Pancrazzi è un artista che negli anni ha realizzato molte iniziative e progetti editoriali in condivisione; queste relazioni sono, per lui, di vitale importanza, lo accompagnano sin dagli inizi e trovano qui una sublimazione che non cede mai all’autocompiacimento o alla nostalgia della memoria, ma piuttosto evidenzia il valore della circolazione delle idee, per l’artista in sé e per l’arte in generale.
Ne ricaviamo un’esperienza intima eppure intensa, uno spiraglio significativo di contemporaneo puro, nascosto nel ventre antico di una città che con il contemporaneo continua a fare a pugni.

Importé D’Italie (Luca Pancrazzi, Pierpaolo Pagano), Importé D’Italie n°1 e n°2, 1983 e 1984. Pubblicazione a tiratura limitata - Importé D’Italie (Luca Pancrazzi, Pierpaolo Pagano), 1983. Cartolina per l’uscita della prima pubblicazione
Importé D’Italie (Luca Pancrazzi, Pierpaolo Pagano), Importé D’Italie n°1 e n°2, 1983 e 1984. Pubblicazione a tiratura limitata – Importé D’Italie (Luca Pancrazzi, Pierpaolo Pagano), 1983. Cartolina per l’uscita della prima pubblicazione

STORIE PARALLELE

Dopo Maurizio Nannucci (featuring James Lee Byars), che aveva inaugurato lo spazio un anno fa, e Miltos Manetas, Pancrazzi è il terzo protagonista del progetto Museo d’Inverno, con cui Carone&Vanni mirano a indagare una storia dell’arte contemporanea parallela, il più delle volte non ufficiale, segreta o ancora sconosciuta, narrata attraverso la voce degli artisti e dei loro legami. È, questo, un raro esempio di convivenza fra la dimensione internazionale dell’arte contemporanea e quella così legata alla tradizione e alla territorialità, che è caratteristica propria delle Contrade di Siena.
Il Museo d’Inverno è anche il primo ad affidare agli artisti la progettazione dei suoi dettagli funzionali, dalla targa d’ingresso in ottone ideata in forma di multiplo da Nannucci, alla project room in realtà aumentata curata da Manetas che, stavolta, ospita un’opera dell’artista colombiano Juan Sebastián Peláez. Dopo Pancrazzi, il Museo d’Inverno ospiterà una nuova mostra, la cui inaugurazione è prevista per la fine di aprile: stavolta il focus sarà sul concetto di site specific e sul rapporto tra arte e architettura, con l’invito rivolto allo Studio Sartogo – Grenon.

Giulia Maestrini

Evento correlato
Nome eventoLuca Pancrazzi - Io. Noi. Voi...
Vernissage04/02/2017 ore 17
Duratadal 04/02/2017 al 25/03/2017
AutoreLuca Pancrazzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEO D’INVERNO
IndirizzoVia pian d’Ovile 29, 53100 - Siena - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Maestrini
Giulia Maestrini è nata a Firenze ma vive e lavora a Siena e le sente entrambe "sue" città. Laureata in Scienze della comunicazione, è giornalista pubblicista dal 2004 e lavora come freelance collaborando con varie testate e su temi diversi, dalla politica culturale all’economia. Scrive di non-fiction per la rivista femminile Abbiamo le Prove e anche su vari blog, tra cui il suo. Negli ultimi dieci anni si è avvicinata allo studio della comunicazione d’impresa e dei nuovi media. Così, per vivere, scrive come copywriter.