Dopo Milano Marsèlleria apre a New York. Immagini dalla inaugurazione americana con Nasini

Matteo Nasini è il primo artista invitato da Marsèlleria a New York, la piattaforma d’arte creata dal brand di moda milanese. In mostra, un progetto già presentato in occasione di miart.

Marselleria, lo spazio di NY e la performance di Matteo Nasini
Marselleria, lo spazio di NY e la performance di Matteo Nasini

Avevamo anticipato qui in una intervista a Mirko Rizzi di Ginevra Bria dell’intenzione di Mirko Rizzi di aprire all’interno del nuovo showroom di Marsell (inaugurato a gennaio) a New York, una gemella della milanese Marsèlleria, la piattaforma di sperimentazione dei linguaggi contemporanei fondata dal brand di moda. Negli scorsi giorni, nel corso dell’art week di New York la Marsèlleria americana ha aperto per la prima volta in questa nuova veste con la performance di Matteo Nasini (Roma, 1976) del quale lo spazio espositivo ospiterà la mostra personale per tutto il mese di marzo. Si tratta di una nuova “doppia” vita per il progetto, di cui vi mostriamo le immagini, che da ora verrà periodicamente utilizzato anche per contenuti artistici e culturali, in linea con ciò che succede già a Milano.

UN PROGETTO NATO A MILANO

Mentre in Lombardia il progetto è raddoppiato lo scorso anno, con la nascita di una seconda sede in via privata Rezia 2 – con un piano dedicato alle mostre e uno ai prodotti del brand, editoria d’arte, etichette indipendenti e progetti fotografici – il nuovo show-room newyorkese, situato a Chelsea (525  W 23rd Street) ha inaugurato in collaborazione con la meneghina Clima Gallery con un progetto già presentato a Milano, lo scorso anno in occasione di miart: “Sparkling Matter”, di Nasini.  Anche in questo caso l’artista è stato protagonista di uno sleep concert nel quale ha tradotto in suono le onde sonore registrate nel sonno di un persona addormentata nello spazio. La mostra legata al progetto comprende anche sculture di porcellana stampate in 3D realizzate utilizzando i dati registrati durante la fase REM e coperte realizzate dall’artista.

Santa Nastro

Matteo Nasini – Sparkling Matters
Marsèlleria
525  W 23rd Street, New York

Fino al 31 marzo 2017
http://www.marselleria.org/sparkling_matter_ny.html

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.