“Non sprecare la roba del padrone”. Immagini del progetto pubblico di Fabrizio Bellomo

Espansa, così si intitola l’operazione dell’artista pugliese residente a Milano, riflette sulla storia operaia della città di Lumezzane, creando un corto circuito di senso tra testimonianze storiche e architettura

L’esempio è la più bella forma di autorità. Lavoro e onestà formano la dignità dell’uomo. Chi spreca la roba del padrone danneggia il proprio salario. Sono esempi dei motti un tempo affissi nelle fabbriche, rilevati da una pubblicità del 1912 sui modelli di Tabelle Educative, ristampata recentemente da La Lettura, il settimanale del Corriere della Sera. Ora l’artista Fabrizio Bellomo (Bari, 1982) ha deciso di farne un intervento di arte pubblica: e come scenario ha scelto quello di Lumezzane, la città officina, soprannome affibbiato al centro bresciano a causa del suo sviluppo industriale nel dopoguerra. Un progetto – titolo Espansa – che parte dall’estetica edile della cittadina che fonde architettura di fabbrica e civile: l’artista intaglia e diffonde – decontestualizzandole – delle targhe che replicano quei motti identitari per quella realtà sociale. Cercatele in giro per Lumezzane: intanto, ecco le immagini…

Santa Nastro

www.comune.lumezzane.bs.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.