Morto a 88 anni Nino Caruso, grande artista e teorico dell’arte ceramica

Era forte del prestigio riconosciuto a livello globale nel progresso degli studi e dell’emancipazione artistica di questa tecnica antichissima ma troppo spesso relegata sui confini con l’artigianato

Se molti ne conoscevano il valore come artista, fra i maggiori a livello non solo italiano nell’ambito della ceramica, pochi – soprattutto gli specialisti – sapevano quale fondamentale ruolo ha avuto sul piano teorico, Nino Caruso, il grande maestro scomparso giovedì 19 gennaio a Roma all’età di 88 anni. Un prestigio riconosciuto a livello globale nel progresso degli studi e dell’emancipazione artistica di questa tecnica antichissima ma troppo spesso relegata sui confini con l’artigianato: prestigio alimentato da seminari e workshop promossi fra Stati Uniti e Giappone, e da tante pubblicazioni scientifiche, su tutte il manuale Ceramica Viva, pubblicato da Hoepli nel 1979. In parte aveva rimediato l’ampia intervista pubblicata da Artribune nell’ottobre scorso, alla quale rimandiamo anche per ripercorre le sue tante mostre : fra le ultime La scultura ceramica contemporanea in Italia, che aveva co-curato alla GNAM di Roma. Qui lo ricordiamo con una galleria di immagini…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.