Un albero di Giuseppe Penone nel centro di Roma. In attesa della grande mostra by Fendi

Un’installazione scultorea con due dei celebri alberi in bronzo dell’artista alti rispettivamente 18 e 9 metri, corredati da un blocco di marmo da 11 tonnellate. A fine gennaio la mostra al Colosseo Quadrato

Il progetto dell'installazione di Penone a Roma

La grande mostra di Giuseppe Penone promossa da Fendi che a fine gennaio metterà al centro della scena artistica il Palazzo della Civiltà Italiana dell’Eur, a Roma, avrà una spettacolare estensione nel pieno centro della Città Eterna. Se nel Colosseo Quadrato – da oltre un anno quartier generale della maison del lusso – la mostra Matrice, curata da Massimiliano Gioni, presenterà una selezione di opere storiche e altre realizzate appositamente per gli spazi romani, di fronte al palazzo di Fendi in centro, in largo Goldoni, spunteranno due dei celebri alberi in bronzo di Penone, alti rispettivamente 18 e 9 metri, corredati da un blocco di marmo da 11 tonnellate.

UNA MOSTRA ANCHE ALLA GAGOSIAN GALLERY ROMA

La mostra all’Eur terrà banco dal 27 gennaio al 16 luglio, affiancata peraltro – purtroppo in pieno weekend di Arte Fiera Bologna – da un’altra mostra personale di Penone alla Gagosian Gallery di Roma, titolo Equivalenze. Foglie di Pietra – questo il titolo dell’installazione scultorea – è invece pensata per rimanere in permanenza: e La Repubblica – che ha pubblicato il rendering che trovate sopra – già prevede che si scateneranno polemiche per il presunto impatto visivo dell’opera sul tessuto storico-artistico del centro. Polemiche che l’assessore alla cultura del Comune di Roma Luca Bergamo, interpellato da Artribune, rispedisce al mittente prima ancora che nascano: “sono assolutamente favorevole all’installazione dell’opera, l’idea che qualcosa di contemporaneo non possa affiancarsi a qualcosa di antico è lontana da me. Anzi, ringrazio Fendi…”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.