Boom per la mostra Delacroix al Louvre. E il museo apre in notturna per i troppi visitatori

A causa del grande numero di visitatori per la mostra su Delacroix che si concluderà il prossimo 23 luglio, il Louvre ha deciso di tenere aperte le sale anche in orario notturno. Ingresso gratuito e visite guidate per tutti i visitatori. Le immagini

Eugène Delacroix - La liberté guidant le peuple - Louvre
Eugène Delacroix - La liberté guidant le peuple - Louvre

Che la mostra dedicata a Eugène Delacroix (Charenton-Saint-Maurice, 1798 – Parigi, 1863) al Louvre di Parigi fosse un evento straordinario ve lo avevamo già raccontato prima della sua apertura. Complice la più grande retrospettiva mai organizzata dal 1963, anno del centenario della morte dell’artista, e la collaborazione inedita tra il museo francese e il Metropolitan Museum of Art di New York che possiede un importante nucleo di opere di Delacroix. Nessuno, però, si aspettava un tale successo di pubblico. Circa 300.000 persone dall’inaugurazione della mostra, avvenuta lo scorso 5 aprile, hanno visitato l’esposizione. Code interminabili e richieste che non riescono ad essere evase. E il Louvre, per far fronte al numero enorme di visitatori, ha scelto di prolungare l’orario di apertura della mostra anche in notturna. Fino al 23 luglio, giorno di chiusura dell’esposizione, sarà possibile accedere alle sale fino alle 21.45 e, a partire dalle ore 18, l’ingresso sarà gratuito per tutti. Un percorso espositivo di 180 opere, che offre una visione limpida della produzione dell’artista, declinata in tre periodi. La prima parte tratta del decennio 1822-1832, gli anni giovanili, in cui Delacroix esplora tutte le potenzialità del medium pittorico; la seconda è segnata dal passaggio dalla grande decorazione murale (attività centrale dopo il 1832) alla pittura da cavalletto; infine, la terza parte si concentra sugli ultimi anni, caratterizzati da un’apertura insolita al paesaggio, che ispirerà profondamente gli impressionisti. Per tutti coloro che non avranno la fortuna di poter visitare la mostra di persona, ecco una selezione di immagini.

– Mariacristina Ferraioli

Parigi // fino al 23 luglio 2018
Delacroix (1798–1863)
Musée du Louvre
Rue de Rivoli, 75001

Dati correlati
AutoreEugène Delacroix
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.