#BotticelliSpringMarathon, il contest social degli Uffizi dedicato alla Primavera di Botticelli

In occasione dell’inizio della primavera, le Gallerie degli Uffizi lanciano un contest su Twitter dedicato al celebre dipinto di Botticelli che omaggia la più “rinascimentale” delle stagioni. Il premio in palio? La partecipazione a una mostra particolare…

Sandro Botticelli, Primavera
Sandro Botticelli, Primavera

Quanti di voi lo scorso 21 marzo, in occasione del primo giorno di primavera, hanno pubblicato sui propri profili social un post o una fotografia dedicati all’inizio della nuova stagione? E quanti di voi hanno postato un’immagine dell’iconica, classica ed evergreen Primavera di Sandro Botticelli? Eh beh, non pensate che siate stati gli unici ad avere avuto questa idea. Anche le Gallerie degli Uffizi non sono da meno, anzi hanno deciso di realizzare una campagna sui social network a partire dalla loro opera più iconica. #BotticelliSpringMarathon è il titolo dell’iniziativa che lo scorso 21 marzo il museo fiorentino ha lanciato per celebrare l’arrivo della primavera attraverso una campagna social dedicata a Sandro Botticelli. Fino al 31 marzo, gli utenti Twitter potranno postare fotografie che reinterpretino in maniera creativa il capolavoro conservato all’interno degli Uffizi. Il premio in palio? La partecipazione a una grande mostra, virtuale naturalmente.

Le Gallerie degli Uffizi
Le Gallerie degli Uffizi

L’INIZIATIVA

Organizzata dal Dipartimento di Comunicazione Digitale delle Gallerie degli Uffizi, #BotticelliSpringMarathon si rivolge a tutti i follower, simpatizzanti, navigatori della rete e semplici curiosi. Fino al prossimo 31 marzo, gli Uffizi invitano a pubblicare sull’account Twitter @UffiziGalleries con l’hashtag #BotticelliSpringMarathon una foto il più possibile originale o una personale e suggestiva reinterpretazione, anche digitale, della celeberrima Primavera di Botticelli conservata nel museo fiorentino. “C’è proprio un grande bisogno di ‘rinascimento’ in questi nostri giorni così cupi. L’augurio è di una primavera di rigenerazione per tutto il mondo. E chi meglio del genio di Botticelli a rappresentarla?”, dichiara Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi. “Ci auguriamo di essere pacificamente invasi da tantissime foto, di tutti gli utenti online e visitatori che, da ogni parte del mondo, vengono a celebrare la ‘nostra’ Primavera senza tempo”, dicono dal Dipartimento di Comunicazione.

LA MOSTRA “VIRTUALE”

Il museo pubblicherà ogni giorno su Twitter piccole clip sulle altre opere di Botticelli conservate tra gli Uffizi e Palazzo Pitti, sempre con un accento dedicato al tema della primavera in senso lato. I migliori scatti – siano essi tagli prospettici particolari, selfie, riletture, rielaborazioni, libere composizioni o interpretazioni dell’opera – verranno scelti per comporre una mostra virtuale, Con la Primavera negli occhi…, che sarà pubblicata sul sito ufficiale www.uffizi.it. Non è obbligatorio che il dipinto figuri come soggetto della foto o che lo scatto venga effettuato all’interno delle Gallerie: anche gli utenti online o che non hanno l’opportunità di recarsi al museo nei prossimi giorni possono dare una loro interpretazione del capolavoro da remoto. L’importante è la suggestione, la capacità evocativa e la coerenza dell’immagine con l’opera di Botticelli. Gli scatti selezionati verranno resi noti sulla bacheca dell’account Twitter delle Gallerie degli Uffizi a cui tutti i partecipanti sono invitati ad iscriversi per avere aggiornamenti in tempo reale.

– Desirée Maida

www.uffizi.it

Dati correlati
Spazio espositivoGALLERIA DEGLI UFFIZI
IndirizzoPiazzale Degli Uffizi 1 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.