L’artista italiano Andrea Mastrovito a Bruxelles con una grande opera in una cappella

S’intitola “GV 14:16-17”, l’opera divisa in un ciclo di dieci grandi tarsie lignee realizzata dall’artista italiano per decorare le pareti della cappella della sede rinnovata del Foyer Catholique Européen, a meno di un chilometro di distanza dal Parlamento Europeo di Bruxelles

Dopo la recente mostra a Buenos Aires, è ora la città di Bruxelles a ospitare un nuovo lavoro di Andrea Mastrovito (Bergamo, 1978), questa volta permanente. Si tratta della decorazione della cappella della sede rinnovata del Foyer Catholique Européen, a meno di un chilometro di distanza dal Parlamento Europeo. Qui l’artista ha realizzato GV 14:16-17, un’opera divisa in un grande ciclo di dieci tarsie che ne ricoprono interamente le pareti nell’edificio di recente ristrutturazione appena riaperto al pubblico. Il Foyer Catholique Européen è un’organizzazione no-profit nata nel 1963 – una associazione di laici interamente finanziata dai suoi membri – con l’obiettivo di essere un centro di incontro, di riflessione, di formazione e di azione al servizio di una comunità cattolica europea. Il tutto in una città come Bruxelles, profondamente cambiata nel corso degli anni, che ora si presenta come un panorama difficile da decifrare fra lingue e culture, storie e colori, religioni e tradizioni. Un contesto, questo, che ha influenzato il lavoro di Mastrovito, immergendosi totalmente in questa stratificazione culturale attraverso l’intarsio ligneo e il collage, senza abbandonare il disegno, medium da sempre utilizzato dall’artista per indagare la realtà, con lo stile franco e poetico che lo contraddistingue. Ecco le immagini…

Claudia Giraud

Andrea Mastrovito – GV 14:16-17
Cappella del Foyer Catholique, Rue du Cornet 51, 1040 Etterbeek, Bruxelles, Belgio

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).