Un Natale fuori dall’ordinario. Da Nord a Sud i 5 eventi più curiosi

Non solo grandi mostre a Natale, ma percorsi alternativi, speciali e curiosi per affrontare le feste con un piglio inedito. Ecco una panoramica dei principali appuntamenti che abbiamo selezionato per voi.

Il clima festoso e rilassato delle vacanze natalizie è il momento migliore per scoprire eventi nuovi e originali, fuori dall’ordinario circuito delle mostre più blasonate. Un percorso di arte pubblica in una zona di Napoli poco turistica; un capolavoro del ‘500 in prestito temporaneo da parte di uno dei 10 più importanti musei d’Europa, misconosciuto in Italia, al 35esimo piano di un grattacielo a Torino; la prima edizione in forma di spettacolo di un progetto di presepe vivente in provincia di Siena, dove per la prima volta si allestisce un vero copione di drammaturgia partecipata intorno al tema della Natività; una coreografia di raggi laser e suoni evocativi definiti dai movimenti stessi dei visitatori a Messina: sono tutte occasioni per uscire dal consueto. Ecco una panoramica dei principali eventi sotto le feste.

– Claudia Giraud

1. MICHELANGELO PISTOLETTO AI QUARTIERI SPAGNOLI DI NAPOLI

Michelangelo Pistoletto

Dopo Mimmo Paladino (per il Natale 2016) e Umberto Manzo (a marzo 2017, grazie a Comieco), anche Michelangelo Pistoletto ha scelto i cortili della Fondazione FOQUS – da alcuni anni dedita a un progetto di rigenerazione e rinascita dei Quartieri Spagnoli – per realizzare e donare la sua opera, esposta in modo permanente accanto alle installazioni degli altri due importanti artisti italiani. Questo Natale, la sua opera-manifesto Terzo Paradiso è così arrivata a Napoli in una nuova versione: al centro del cortile della Fondazione a via Portacarrese a Montecalvario è stato installato un grande specchio di 3,60×2,40 mt su cui è stata fatta aderire una sagoma dell’ormai celebre simbolo dell’infinito, segno distintivo dell’artista. Su questo specchio chiunque ha potuto scrivere o lasciare la sua firma con pennarelli indelebili. “Bambini, cittadini, giovani studenti, abitanti dei Quartieri…”, afferma Rachele Furfaro, presidente di FOQUS, “lo specchio che rifletteva il vicolo ha accolto le frasi di centinaia di persone, rifletterà anche le loro parole”. Mentre, secondo Renato Quaglia, direttore della Fondazione, “con l’opera di Michelangelo Pistoletto, dopo quelle di Paladino e Manzo a FOQUS, con le opere di grandi artisti contemporanei disseminate per i Quartieri Spagnoli, si pone il tema dell’organizzazione di un percorso d’arte pubblica in questa area fragile della città”.

Michelangelo Pistoletto – Rebirth/Terzo Paradiso
FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli ONLUS, via Portacarrese a Montecalvario 69 – 80134 Napoli
www.foqusnapoli.it

2. BRONZINO IN CIMA AL GRATTACIELO INTESA SANPAOLO DI TORINO

Bronzino dopo restauro

Dopo l’iniziativa di quest’anno di Luci d’Artista, che ha portato un’installazione luminosa realizzata dallo studio Migliore+Servetto Architects al 35esimo piano del grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino, si rinnova l’occasione per accedere ai piani alti dell’edificio di 166 metri disegnato da Renzo Piano con l’esposizione gratuita (previa prenotazione) – fino al 7 gennaio – della Madonna con il Bambino, sant’Elisabetta e san Giovannino di Agnolo di Cosimo di Mariano, detto il Bronzino, opera proveniente dal Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli. L’esposizione del capolavoro cinquecentesco nella sala Spazio Trentacinque, un ambiente che confina con la natura della serra bioclimatica dove sono ospitati il ristorante e lounge bar Piano35, rientra nell’ambito della rassegna L’Ospite illustre, iniziativa che mira ad offrire ai visitatori presso le sedi di Intesa Sanpaolo – le Gallerie d’Italia o il grattacielo – la possibilità di conoscere un’opera di rilievo in prestito temporaneo da prestigiosi musei italiani e stranieri.

Bronzino – Madonna con bambino
21 dicembre 2017 – 7 gennaio 2018
Spazio Trentacinque, serra bioclimatica del grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra 3, Torino
www.grattacielointesasanpaolo.com/news

3. LA VENERE DI BOTTICELLI TORNA A CASA AI MUSEI REALI DI TORINO

Venere, 1490 circa, Musei Reali Torino

Dopo essere stata esposta in Georgia, a Tbilisi, come rappresentante dell’Italia per il progetto Valori universali, la Venere di Botticelli dei Musei Reali di Torino torna all’interno del percorso di visita della Galleria Sabauda, pronta a farsi ammirare dai visitatori per le feste natalizie all’interno della sala del primo piano dedicata ai grandi capolavori.

Musei Reali Torino – Galleria Sabauda, Via XX Settembre 86, Torino

www.museireali.beniculturali.it

4. LA PRIMA VOLTA DI PRAESEPIVM, UNA NATIVITÀ OPEN AIR IN TOSCANA

Praesepivm 2017

Va in scena il primo e più grande spettacolo open air dedicato alla Natività. Succede in Toscana, in provincia di Siena, dove l’Associazione CasoleEventi firma e produce Praesepivm, in programma nel centro storico di Casole D’Elsa il 26 e 30 dicembre 2017 e il 1/6/7 gennaio 2018. Una rappresentazione teatrale non stop all’aria aperta dalle 15,00 alle 19,00 che vede il paese trasformarsi diventando metà palcoscenico e metà dietro le quinte, con 350 tra attori e comparse che vestiranno circa 400 costumi realizzati interamente a mano, 100 animali vivi, cibo fresco e una inedita “via dei profumi”. “Si tratta di un’edizione rinnovata che parte da una solida tradizione, uno spettacolo a cielo aperto per ricreare un’atmosfera unica tra colori, suoni, sapori ed emozioni”, spiega l’ideatrice e regista, Luciana Calamassi. “Non è un presepe vivente, ma una rappresentazione che ha per scena finale la natività: ma per arrivare a questo c’è tutto un paese che spinge il pubblico verso la luce”. In Praesepivm il pubblico avrà la possibilità di essere parte integrante delle scene stesse perché potrà attraversarle completamente senza dover però interagire con niente e nessuno. Uno spettacolo dove non c’è platea ma solo palcoscenico.

Centro storico di Casole d’Elsa, Siena
Il 26 e 30 dicembre 2017 e il 1/6/7 gennaio 2018

www.casoleventi.it

5. RAGGI LASER E SUONI EVOCATIVI SULLO STRETTO DI MESSINA

Laser Symphony a Messina

Le suggestioni di luci e suoni di AreaOdeon – Kernel Festival –  la piattaforma stabile di incontro e visibilità per giovani artisti legati alle nuove tecnologie – arrivano a Messina. Fino al 30 dicembre, nella corte interna di Palazzo dei Leoni, sede della Città Metropolitana della città siciliana è aperta al pubblico gratuitamente Laser Symphony, l’installazione artistica interattiva ideata da Marcello Arosio che arriva sullo Stretto dopo la presentazione alla Cremona Tec-Night lo scorso giugno e il successo ottenuto a novembre allo Staro Riga Light Festival, evento internazionale che da ormai dieci anni illumina le vie centrali della capitale lettone. Una coreografia interattiva in continua evoluzione interpreta lo spazio con raggi laser e suoni evocativi definiti dai movimenti stessi dei visitatori: ogni fascio laser, quando attraversato, innesca, infatti, una specifica nota musicale di un suggestivo set di suoni personalizzati, attivando, allo stesso tempo, una proiezione di laser mapping che evidenzia geometrie, dettagli e forme degli elementi architettonici circostanti. Un’esperienza audiovisiva dinamica e contemplativa che trasporterà i visitatori oltre lo spazio fisico, in un universo poetico e immaginifico sperimentato a Messina già con il Kernel Festival e, a maggio prossimo, con il Sicilia Light Art Festival.

Laser Symphony
Dalle 18:30 alle 23:00 fino al 30 dicembre
Palazzo dei Leoni, Corso Cavour 86, Messina

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).