Il respiro della pittura. Marco Gastini a Verona

Galleria dello Scudo, Verona – fino al 31 marzo 2017. La galleria veneta ospita una selezione di opere dell’artista torinese. Puntando i riflettori su una pittura materica, che non perde di vista l’essenza del proprio linguaggio.

La mostra veronese intitolata a Marco Gastini (Torino, 1938) riunisce poche opere, ma cruciali, prodotte sullo sfondo degli Anni Ottanta e dell’eco poverista, udita ma non condivisa da Gastini, il quale sottolinea la propria natura di pittore interessato alla tridimensionalità. Un interesse testimoniato dai lavori in mostra, aggregazioni di materiali che raggiungono l’esperienza pittorica pur aggirando il cuore della pittura. Le tensioni esistono, vengono generate e si rigenerano in pittura I, del 1981, condensa il tema della materia e dei pigmenti blu, i preferiti di Gastini. I segni neri fluttuano e sono carrube che compaiono anche in altre opere come Paravento, del1982. Invece Nella luce sopra i muri (1983-85), Qui, là, altrove (1987) e Il profumo della rugiada (1989-90), i materiali utilizzati sono il carbone, il ferro, il legno e il piombo, ma la navigazione poetica ha sempre come meta la pittura.

Claudio Cucco

Evento correlato
Nome eventoMarco Gastini - Il respiro della pittura
Vernissage03/12/2016 ore 19
Duratadal 03/12/2016 al 31/03/2017
AutoreMarco Gastini
CuratorePier Giovanni Castagnoli
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA DELLO SCUDO
IndirizzoVicolo Scudo Di Francia 2 - Verona - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Cucco
Claudio Cucco (Malles Venosta, 1954) attualmente è residente a Rovereto. I suoi studi di Filosofia sono stati fatti a Bologna, è direttore della Biblioteca di Calliano (TN) e critico d’arte. S’interessa principalmente di arte contemporanea e di architettura e dell’editoria legata a questi due linguaggi. Collabora con il quotidiano L’Adige, con la rivista Arte e Critica e la rivista Nuova Informazione Bibliografica, edita da Il Mulino. Dal 2011 fa parte dei collaboratori di Artribune, dopo aver collaborato per anni a Exibart e precedentemente a Tema Celeste.