Lo Stato Sociale come i Kiss nel ‘78: 5 dischi solisti in 5 settimane per i 10 anni del gruppo

Un disco nuovo ogni settimana per ognuno dei 5 membri del gruppo. È un’operazione performativa quella che accomuna il collettivo bolognese, prossimo a Sanremo, alla band culto dell’hard rock che però fece flop.

Carota
Carota

5 dischi in uscita ogni settimana, 25 canzoni diverse nel giro di pochissimo tempo, 20 minuti di ascolto per ogni EP di ognuno dei singoli membri della band. Sono i numeri del progetto “performativo” pensato da Lo Stato Sociale per festeggiare il decennale del collettivo bolognese composto da Albi, Bebo, Carota, Checco e Lodo, quest’anno tra i big sul palco del Festival di Sanremo, dopo essere arrivati secondi nel 2018 con il brano Una Vita In Vacanza, quello della “vecchia che balla”. Un’operazione che non è nuova nel campo della musica, lo avevano già fatto i Kiss nel 1978, pubblicando ciascuno dei quattro un album a testa per dare libera voce alla propria creatività musicale, ma con risultati deludenti. 

IL PRIMO DISCO DELLO STATO SOCIALE 

Abbiamo cercato di rappresentare quello che siamo dopo dieci anni di percorso collettivo”, spiegano i 5 musicisti. “Abbiamo scomposto Lo Stato Sociale e, incuriositi, abbiamo scoperto i pezzi che lo compongono. L’abbiamo fatto per far capire meglio la nostra realtà e la nostra natura caotica, che è assolutamente speciale e unica nel panorama italiano: il che non è un pregio o un difetto, è semplicemente un dato di fatto”. Così, ogni venerdì, il giorno dello streaming selvaggio, quando sono in uscita sulle piattaforme musicali le novità della settimana, ogni singolo membro del gruppo pubblica un disco a testa, caratterizzato ognuno dalla propria personalità rappresentata anche dall’artwork disegnato dall’artista bolognese Mirko Campioni, dal proprio paesaggio musicale e ognuno con la propria direzione creativa, il proprio team di lavoro e i propri ospiti, per poi dare origine a un unico prodotto finale. “L’intento era quello di smembrare le cose per poi riunirle, come speriamo che, conoscendoci tutti meglio su scala planetaria, si vada ad essere una società sempre più unita e meno disgregata. Quello che da noi succede nel piccolo, vorremmo sempre portarlo verso l’esterno”.

I Kiss
I Kiss

LO STATO SOCIALE: GLI OMAGGI

Sono già usciti gli EP di Bebo alias di Alberto Guidetti, drum machine, programmazione, sintetizzatore, sequencer, voce nella band: “Un disco scritto con le mani in tasca, come uno che passeggia. Mettendo tutto in discussione”, a colpi di spoken word su un tappeto elettronico; di Checco, alias di Francesco Draicchio, (sintetizzatore, sequencer, programmazione, percussioni, voce) un disco intimista, concepito come “un viaggio circolare in Interrail che parte da una costa e finisce ai confini dell’Universo (…) uno scambio di lettere tra amici per chiedersi: come va, come stai?”. In un brano c’è anche l’omaggio all’amico Mirko Bertuccioli, voce della band pesarese pop rock I Camillas, scomparso per Covid a 46 anni la scorsa primavera; e di Carota, alias di Enrico Roberto (voce, sintetizzatore, pianoforte, rhodes, programmazione). I prossimi dischi a uscire, sempre via Garrincha Dischi/Island Record, saranno quelli di Lodo (Lodovico Guenzi, voce, chitarra, pianoforte, sintetizzatore) che sarà pieno di ospiti e, infine, di Albi (Alberto Cazzola, voce, basso).

– Claudia Giraud

https://shop.garrinchadischi.it/

ACQUISTA QUI L’EP

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).