David Guetta ha suonato davanti alla Piramide del Louvre per capodanno

Il celebre dj francese ha suonato nella notte di San Silvestro davanti alla Piramide del Louvre a Parigi. L’iniziativa, trasmessa in streaming con un successo clamoroso, è a sostegno dell’Unicef

La Pyramide du Louvre © 2009 Musée du Louvre Stéphane Olivier
La Pyramide du Louvre © 2009 Musée du Louvre Stéphane Olivier

Non sarebbe stato del tutto ironico chiedere nella notte di San Silvestro, a cavallo tra il 2020 e il 2021, un minuto di silenzio per i poveri adolescenti che non potendo uscire come di solito avviene per feste e veglioni vari sono rimasti a casa con i genitori a subire i palinsesti della tv generalista italiana dominati da una terza e una seconda età danzerecce e scatenate. Meno male che ad offrire qualche cosa di più ci hanno pensato le dirette online.

Non solo quelle già raccontate da Artribune e disseminate su tutto il territorio nazionale, come il Capodanno online di Roma che ha registrato oltre 280.000 visualizzazioni, ma anche alcuni coraggiosi esperimenti all’estero. Stiamo parlando della performance di David Guetta, il produttore musicale e dj francese, che ha esordito negli anni ’80 e che il 31 dicembre 2020 ha salutato il nuovo anno con un mega concertone charity davanti alla Piramide del Louvre a Parigi, nel cortile del museo, ma in streaming per il pubblico, facendo ballare fan di tutto il mondo rigorosamente a casa. L’iniziativa, a favore dell’Unicef e della associazione Les Restos du Coeur, che supporta le famiglie svantaggiate e impoverite dalla crisi dettata dall’emergenza Covid-19, non è la prima della serie United at Home. Guetta si è infatti già esibito in diverse città del mondo, soprattutto negli Stati Uniti, e sempre per sostenere una buona causa. Ecco il video della performance, tra luci e colori, trasmessa su YouTube, Facebook, Twitch e Instagram.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.