Creare ponti con la musica. Raphael Gualazzi ci racconta la sua partecipazione a Sanremo 2020

Videointervista a Raphael Gualazzi, protagonista dell’appena conclusosi Festival di Sanremo con la canzone “Carioca”

Raphael Gualazzi a Sanremo 2020
Raphael Gualazzi a Sanremo 2020

“Ma chi l’avrebbe detto, sento solo la musica”Raphael Gualazzi torna a dipingere la scena della musica italiana con sfumature ricche e vivaci. Carioca è il nuovo singolo presentato sul palco di Sanremo. Il soul dai ritmi latinoamericani coinvolge e trascina mentre i fiati della Mauro Ottolini band accompagnano il pianoforte a cui il cantante ha ormai abituato il pubblico. Una collaborazione con il produttore Dade che ha unito il mondo urban anni ’80 con il ritmo caldo della musica cubana, scelta da Gualazzi come una delle componenti fondamentali del proprio percorso artistico e compositivo. Stravagante nel look quanto centrato nell’esecuzione, Gualazzi si conferma una garanzia di buona musica. Riguardo alla partecipazione a Sanremo, rifiuta gli stereotipi e parla di ponti culturali: “creare collegamenti tra mondi spesso differenti è il primo passo per generare cultura, sono qui anche per questo”. Ecco la nostra videointervista.

– Giada Giorgi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giada Giorgi
Nata a Frosinone nel 1991 oggi vive a Milano. Laureata in Filosofia Morale a Roma, lavora nel giornalismo radio-televisivo dall’età di 23 anni. Tra le collaborazioni Il Messaggero, Il Corriere della Sera e RaiNews24. Attualmente frequenta la scuola di giornalismo Walter Tobagi. "Parlare in pubblico mi entusiasma, l’intervista è la forma di dialogo che preferisco. Per diletto e per passione, canto, suono e recito. Per vivere, racconto chi lo fa sul serio".