Marco Mengoni come Beyoncé al Louvre. Nel suo nuovo video, Palazzo Madama a Torino è protagonista

Il nuovo videoclip del cantante italiano, Hola, è stato girato all’interno del palazzo juvarriano, grazie a una partnership tra Google Arts & Culture, YouTube Music e Sony Music che inaugura un progetto musicale negli spazi culturali

Palazzo Madama, Mengoni Backstage Photo courtesy of Ph. Giorgio Perottino – Archivio Fotografico Fondazione Torino Musei
Palazzo Madama, Mengoni Backstage Photo courtesy of Ph. Giorgio Perottino – Archivio Fotografico Fondazione Torino Musei

Beyoncé e Jay-Z, girando il loro videoclip al Louvre, hanno fatto scuola. Ora la moda del video al museo approda in Italia grazie a una partnership tra Google Arts & Culture, YouTube Music e Sony Music, che ha scelto Torino e il suo settecentesco Palazzo Madama per lanciare un nuovo progetto che porta la musica in luoghi simbolo del patrimonio artistico e culturale. Conosciuto fino a qualche anno fa come Google Art Project, Google Arts & Culture è una piattaforma nata nel 2011 dal team di Google come una sorta di grande museo virtuale in cui sono archiviate milioni di opere d’arte di ogni epoca, con relative schede tecniche, contenuti multimediali e link. Negli anni non si contano le collaborazioni che ha stretto con i musei di tutto il mondo che, diventando partner, acquistano il diritto di usufruire delle sue tecnologie per promuovere il proprio patrimonio. Tra questi c’è anche il Museo Civico d’Arte Antica di Torino che, la notte del 25 novembre, è diventata il set del video del nuovo singolo di Marco Mengoni, Hola, girato live tra le maestose sale di Palazzo Madama da La Blogothèque, team creativo francese che ha rivoluzionato il concetto di videoclip musicale, collaborando tra gli altri anche con Justin Timberlake, Alicia Keys, Phoenix e Bon Iver.

Palazzo Madama, Mengoni Backstage Photo courtesy of Ph. Giorgio Perottino – Archivio Fotografico Fondazione Torino Musei
Palazzo Madama, Mengoni Backstage Photo courtesy of Ph. Giorgio Perottino – Archivio Fotografico Fondazione Torino Musei

IL PROGETTO

“Il team di Google Arts & Culture ci ha contattato per proporci questa partnership con YouTube Music e Sony Italia per inaugurare questo progetto che prevede la collaborazione di un ulteriore partner, La Blogothèque”, racconta ad Artribune Carlotta Margarone, Innovation and Communication Manager della Fondazione Torino Musei che gestisce Palazzo Madama, tra gli altri musei torinesi. “È una casa di produzione francese che ha tra i suoi obiettivi quelli di girare video musicali di grandi popstar all’interno di spazi culturali”. Quindi, Palazzo Madama è stato scelto come primo partner italiano per lanciare questa collaborazione con YouTube Music, la nuova piattaforma musicale di YouTube che si pone l’obiettivo di unire fan ed artisti attraverso la proposta di contenuti qualitativi unici. Come nel caso di Hola: non solo un video, ma una performance live dove le sontuose sale del museo non sono solo una quinta scenografica, ma sono protagoniste della narrazione.

L’ESPERIENZA A TORINO

“Per la Fondazione Torino Musei e la Città di Torino questa esperienza è un’occasione unica per valorizzare e promuovere il patrimonio storico-artistico”, conclude Elisabetta Rattalino, Segretario Generale Fondazione Torino Musei. “L’apertura degli spazi aulici a esperienze innovative rivolte ai nuovi pubblici e la creazione di partnership di qualità sono parte fondamentale del nostro percorso di sviluppo strategico. Siamo lieti di essere i primi in Italia a partecipare al progetto insieme a Google Arts and Culture, Youtube Music e Sony Music”. Il video è visibile sui canali ufficiali dei partner e della Fondazione Torino Musei. Eccolo anche su Artribune

– Claudia Giraud

Dati correlati
Spazio espositivoMUSEO CIVICO D'ARTE ANTICA - PALAZZO MADAMA
IndirizzoPiazza Castello - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).