Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou

Il primo lungometraggio di Hleb Papou, regista di origini bielorusse, oggi italiano, presentato nella sezione Cineasti del Presente a Locarno 74, dove l’autore ha vinto il premio come miglior regista emergente

Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou

In occasione de Le vie del cinema, la manifestazione che ha portato anche quest’anno, fino al 30 settembre a Milano, trentasette film in anteprima presentati alla Mostra del Cinema di Venezia, al Locarno Film Festival e al Festival di Cannes, è stato presentato Il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou, regista di origini bielorusse, oggi italiano, presentato nella sezione Cineasti del Presente a Locarno 74, dove il suo autore ha vinto il premio come miglior regista emergente. Casa, famiglia e identità, sono i tre temi che si intrecciano ed entrano in contrasto in questo film dove, con uno sguardo fuori dal coro, viene affrontato il discorso dell’emergenza abitativa, a partire da una storia che vede opporsi due fratelli, immigrati di seconda generazione, africani, che hanno scelto strade diametralmente opposte di integrazione. Daniel, il protagonista, ha abbandonato la famiglia di sangue per entrare in quella allargata della Celere, con una cesura netta nei confronti della sua precedente vita da occupante; Patrick, il fratello idealista, è rimasto con la madre nel palazzo di Roma, che hanno occupato insieme ad altre quasi 500 persone, continuando ad amministrarlo con la sua attività nel Comitato, cercando di dimostrare che la convivenza multietnica può portare a virtuose forme di auto-organizzazione dal basso, senza per forza abbracciare una visione univoca e monolitica della società e delle risposte che quest’ultima può dare all’abitare.

Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou
Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou

IL LEGIONARIO: IL TEMA DELL’INTEGRAZIONE

L’inizio del film mette subito a fuoco il conflitto, che viene sviluppato lungo gli ottanta minuti del lungometraggio e trova una risoluzione nel finale, anche se non con un punto decisivo. Daniel, chiamato amichevolmente dai compagni della polizia Ciobar, si trova faccia a faccia, in uno scontro di strada, con dei “fratelli” di colore. Non sta però lottando insieme a loro, bensì sta cercando di sedare i loro disordini. Chi è Ciobar: un nuovo italiano, con una vita regolare da celerino pagato dallo Stato, o un traditore? La posizione in bilico e dalle risposte non scontate ricorda quella di Gwada, il poliziotto di origini africane del film Les Misérables di Ladj Ly, presentato alla 72esima edizione del Festival di Cannes. Analogo conflitto di appartenenza, con una differenza sostanziale: Papou sceglie di stringere la morsa dei legami, dalla comunità o dall’identità razziale, concetti che fondano il senso di appartenenza ma più astratti, alla famiglia naturale. Traditore quindi nei confronti di una madre, di un fratello, di un passato vissuto e poi rifiutato? Pesa come un macigno quella frase detta dalla madre in un momento di rabbia, che oppone i due fratelli e si schiera dalla parte del ribelle o del più “autentico” Patrick: “Lui almeno non finge di non avere una famiglia”.

IL LEGIONARIO: CASA E LAVORO

Famiglia di origine e famiglia di adozione, la polizia, sono i due fuochi tra cui si dibatte Daniel, tra menzogne e tentativi di nascondere i legami originari, perché proprio quelli sono fonte di un conflitto sociale, che sposta la storia su un piano politico. Emergenza abitativa, occupazione, sgombero: da che parte stare? Da quella delle istituzioni e quindi compiere il proprio dovere di poliziotto e anche con la forza sgomberare gli occupanti, tra cui la propria famiglia, rinnegando il passato e i ricordi dell’infanzia, del trasferimento, della resistenza, di quelle condizioni che, anche se “anomale”, gli hanno permesso di guadagnarsi una vita più stabile e migliore, o da quella degli occupanti, cercando di proteggerli, aiutarli, convincendoli ad abbandonare il palazzo con la diplomazia? Daniel per tutto il film fa entrambe le cose, tentando di tenere insieme una lacerazione esteriore che diventa sempre più profonda interiormente.

Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou
Cinema: il legionario, il primo lungometraggio di Hleb Papou

IL LEGIONARIO: LA RELAZIONE CON LO SPETTATORE

A Papou va il merito di aver saputo tradurre in immagini, e facendo parlare poco il suo protagonista, questa divaricazione e allo stesso tempo aver messo lo spettatore in una posizione critica, di riflessione, non di giudizio, con quel continuo campo e controcampo tra fratelli, ognuno con le proprie ragioni, capace di restituire la complessità della ricerca della propria identità in un nuovo luogo, e problematizzando il significato dell’espressione “sentirsi a casa”. “Le persone come noi non mollano mai” urla Patrick dal tetto durante lo sgombero, minacciando di buttarsi, ma anche le persone come Daniel non lo fanno, quelle che con fatica, pazienza e coraggio, sopportando innumerevoli pressioni, cercano di tenere insieme i pezzi, di salvare vecchie e nuove famiglie, di non lasciarsi sopraffare dal “chi sono stato”, sperando in un futuro diverso.

Carlotta Petracci

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Sempre in bilico tra arte e comunicazione, fonda nel 2007 White, un'agenzia dal taglio editoriale, focalizzata sulla produzione di contenuti verbo-visivi, realizzando negli anni diversi progetti: dai magazine ai documentari. Parallelamente all'attività professionale svolge un lavoro di ricerca sull'immagine prestando particolare attenzione alla sua relazione con altri media e forme espressive, in primo luogo la musica. Di cui ama scrivere ma che rappresenta un elemento essenziale della sua identità di filmmaker, nei documentari quanto nelle videoinstallazioni. Appassionata di filosofia, sociologia, antropologia e, nell'accezione più ampia e nomadica, di tutte le scienze, fa convergere i suoi svariati interessi in un approccio ai contenuti, in uno sguardo e in uno stile di scrittura assolutamente cross-disciplinari.