The Power of The Dog: Jane Campion a Venezia 78 con un film a sfondo erotico e psicologico

La regista torna alla narrazione cinematografica dopo un decennio, e lo fa con un film in cui si intersecano numerosi rimandi letterari e cinematografici, dove ogni personaggio interpreta un ruolo che potrebbe ribaltarsi all’improvviso…

THE POWER OF THE DOG

Possiamo mentire, ma non ci possiamo tradire. Cosa accade nella mente di un autore quando sceglie di adattare una storia scritta da qualcun altro? È la domanda scaturita dalla visione di The Power of The Dog in concorso a Venezia 78, tratto dall’omonimo romanzo del 1967 di Thomas Savage, con cui Jane Campion ha rotto il silenzio, tornando alla narrazione cinematografica dopo un decennio. Ma perché abbiamo usato la parola “tradire” a proposito del suo nuovo film? Perché per la prima volta la Campion sceglie di guardare un personaggio femminile con un occhio diverso, che non è il suo. Un compromesso tollerabile forse esclusivamente in funzione di una storia costruita su un sistema di relazioni erotico-psicologiche, con al centro un protagonista quasi “demoniaco”, ma insospettabile, rispetto ad un antagonista profondamente respingente, su cui convergono tutte le sue energie. Potremmo dire che la storia comincia con un gioco di coppie. Da una parte i fratelli Phil e George Burbank, proprietari di un grande ranch nel Montana degli anni Venti, dall’altra la vedova Rose e il figlio Peter, un ragazzo dall’aspetto femmineo, troppo sensibile e fragile, (come le composizioni floreali di carta a cui si dedica) per quel mondo rozzo e selvaggio, duro e cinico, che definisce l’immaginario classico del western.

THE POWER OF THE DOG_02
THE POWER OF THE DOG

THE POWER OF THE DOG: TRIANGOLAZIONI A SFONDO EROTICO-PSICOLOGICO

Diversi sono i riferimenti letterari, cinematografici, seriali che si accavallano nella mente analizzando i personaggi tratteggiati dall’autrice neozelandese. C’è un po’ della Blanche DuBois di Tennessee Williams, del suo delirio e del suo rapporto, caratterizzato dalla repressione sessuale, con Stanley Kowalski, in Rose; un po’ dello stato di abbandono e di isolamento di Una moglie di Cassavetes; c’è un’aura maledetta e decadente che richiama il Dorian Gray di Oscar Wilde in Peter; c’è quella psicosi sessuale con cui si guarda alla figura del cowboy nella fortunata serie I Love Dick, (ma spogliata di quella leggerezza) e l’omoerotismo tra cowboy, anche in questo caso in parte represso, di Brokeback Mountain nel rapporto tra Phil e il giovane Peter. Il personaggio su cui punta tutto la Campion, però, è l’antagonista Phil, interpretato da Benedict Cumberbatch, iconico nel suo machismo, sottilmente sadico e incline alla tortura psicologica, la cui omofobia si accompagna a comportamenti di potere e gelosia prima di tutto nei confronti del fratello. Non è un caso che l’equilibrio si rompa proprio quando George sceglie di sposare Rose e aprire la sua dimora a lei e al figlio. La costrizione del luogo porta i personaggi a scontrarsi attraverso ripetute provocazioni ed estenuanti conflitti che tengono a lungo la situazione apparentemente in stallo (in realtà il logorio psicologico è inesorabile e senza ritorno), e in particolare spingono Phil ad esercitare quel controllo e quella tirannia arrogante e beffarda che diventano l’oggetto di un fascino perverso per Peter, che lentamente rivela la sua doppia natura, la sua appartenenza all’archetipo del mutaforma.

THE POWER OF THE DOG_01
THE POWER OF THE DOG

THE POWER OF THE DOG. COME UN CANE CON IL PADRONE: FIDARSI?

Se è vero che la Campion per la prima volta ci presenta una donna nel ruolo della vittima che non si emancipa, che non è protagonista e si accartoccia su se stessa, non bisogna commettere l’errore di perdere di vista la questione femminile nel suo cinema. Al contrario, è proprio il rapporto di Peter con la madre a dare al film quello spessore psicoanalitico che fa quasi dubitare del suicidio del padre. Se Rose teme l’amicizia virile che si instaura tra il figlio e Phil, in cui vede una possibile causa di corruzione, di deviazione dalla sua educazione, è lo stesso Phil a commettere l’errore di sottovalutare Peter, la sua strategia di assimilazione, crogiolandosi nell’idea di essere un modello, come lo era stato Bronco Henry per lui. La storia prende una piega progressivamente più nera quando Rose cede completamente all’alcolismo e Peter inizia a manifestare la sua vocazione di medico, sentendo il richiamo della carne e del sangue; e Phil, da un lato continua ad affermare la sua virilità castrando il bestiame a mani nude, dall’altro cede alle lusinghe languide del ragazzo aspirando dalle sue mani una sigaretta come fosse profumo, mentre intreccia quel lazzo che sarà la causa del suo amaro destino. Sarà il solo? Peter di spalle nel finale aperto, mentre osserva dalla finestra la madre e George finalmente liberi di amarsi, fa risuonare nella nostra mente un ghigno beffardo.

 

– Carlotta Petracci

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Sempre in bilico tra arte e comunicazione, fonda nel 2007 White, un'agenzia dal taglio editoriale, focalizzata sulla produzione di contenuti verbo-visivi, realizzando negli anni diversi progetti: dai magazine ai documentari. Parallelamente all'attività professionale svolge un lavoro di ricerca sull'immagine prestando particolare attenzione alla sua relazione con altri media e forme espressive, in primo luogo la musica. Di cui ama scrivere ma che rappresenta un elemento essenziale della sua identità di filmmaker, nei documentari quanto nelle videoinstallazioni. Appassionata di filosofia, sociologia, antropologia e, nell'accezione più ampia e nomadica, di tutte le scienze, fa convergere i suoi svariati interessi in un approccio ai contenuti, in uno sguardo e in uno stile di scrittura assolutamente cross-disciplinari.