Notturno, l’urgenza di raccontare. Disponibile in DVD

Il documentario di Gianfranco Rosi, designato come il film italiano nella corsa alla nomination Oscar, è disponibile in DVD. E in attesa di sapere se Notturno sarà nelle short list del premio più prestigioso in ambito cinematografico, il regista è tra i giurati della Berlinale 2021.

Notturno
Notturno

Nel 2017 Gianfranco Rosi, dopo aver conquistato alla Berlinale l’anno precedente l’Orso d’Oro con il suo Fuocoammare, era presente alla notte degli Oscar a rappresentare il nostro Paese nella categoria dedicata ai documentari. Niente statuetta in quella occasione ma grande orgoglio da parte di tutti. A distanza di pochi anni il regista Gianfranco Rosi potrebbe essere nuovamente tra i protagonisti della serata, infatti il suo Notturno è il film scelto dall’Italia per la corsa agli Oscar come Migliore film in lingua straniera (e concorre anche come Migliore documentario). Per quanto riguarda la lista dei film non in lingua inglese, il 9 febbraio si saprà se il film è rientrato o meno nella short list. Intanto, è ufficiale la presenza di Notturno in un’altra cinquina, quella per il Best International Independent Film insieme a Babyteeth, Les Misérables, Never Rarely Sometimes Always e NomadlandNotturno è il film documentario che Gianfranco Rosi ha presentato in Concorso alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia. Si tratta di un diario cinematografico, un racconto in immagini, dei tre anni trascorsi tra i confini di Iraq, Kurdistan, Siria e Libano. Per chi ha perso il film in sala, distribuito nei giorni successivi al festival, Notturno è disponibile in DVD con Eagle Pictures e come contenuto extra è stata inserita una lunga e interessantissima intervista al regista fatta da Adrian Wotton, insieme ad una galleria fotografica.

Notturno
Notturno

DA FUOCOAMMARE A NOTTURNO

Notturno non è il seguito di Fuocoammare ma in diverse occasioni Gianfranco Rosi ha ribadito come il documentario girato sull’isola di Lampedusa lo abbia condotto verso il suo nuovo lavoro. “Quando ero lì a girare Fuocoammare pensavo alla provenienza di quelle persone (migranti, rifugiati). La domanda era sempre presente. Da dove vengono? Perché? Che succede?”, confessa Rosi nella sua conversazione con Wotton. Da qui è deducibile l’interesse del regista nel raggiungere il Medio Oriente per vedere con i suoi occhi la realtà, e non quella del fronte. Notturno è quindi un film che nasce da un’urgenza del regista, un’urgenza che appartiene a molti di noi, di conoscere, di capire. “Sapevo che il film doveva partire da dove si fermavano le notizie e i reportage”, dice ancora il regista nell’intervista. E se questo non basta, perché vedere Notturno? Perché è un racconto quotidiano di un popolo che soffre, che vive in balia di continue guerre civili, di dittature, invasioni, della follia omicida dell’ISIS. Rosi risponde a un’urgenza, non ne fa un reportage giornalistico e forza la mano con scelte di poca realtà. Si fa testimone con la sua macchina da presa di attimi, situazioni, sensazioni ed emozioni catturando le tante sfumature del confine e del Medio Oriente. La guerra non è in primo piano, ma quello che vediamo è la violenza della guerra, la sua distruzione, come questa si ripercuote nelle coscienze del popolo che lì vive. Rosi registra l’angoscia delle madri, dei bambini, di chi attende di scendere in campo, di chi è sopravvissuto fino a quel momento.

Notturno
Notturno

UN FILM VENDUTO IN TUTTO IL MONDO

Notturno è un film che è stato selezionato a partecipare nei più prestigiosi festival cinematografici di tutto il mondo, dove è sempre stato accolto con gande calore: da Toronto a New York, da Chicago a San Paolo, da Busan a Tokio, fino all’IDFA di Amsterdam. Notturno, distribuito nel mondo da The Match Factory, è stato inoltre venduto in Austria, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Slovenia, Croazia, Serbia, Portogallo, Polonia, Svizzera, India, Giappone, Taiwan, Regno Unito, Turchia, tutti i paesi dell’America Latina e in America del Nord. È una produzione 21Uno Film – Stemal Entertainment con Rai Cinema e Istituto Luce – Cinecittà, con il contributo di Dg Cinema e Audiovisivo – Mibact e con il supporto di Eurimages, e in coproduzione con Les Films D’Ici con Arte France Cinéma e con No Nation Films – Mizzi Stock Entertainment con Medienm Board e Dhoa Film Institute. In Italia è distribuito da 01Distribution. In tutto ciò Gianfranco Rosi è tra i membri della Giuria Internazionale 2021 della Berlinale, insieme a Mohammad Rasoulof (Iran), regista vincitore dell’Orso d’Oro 2020 con There is No Evil, Nadav Lapid (Israele) regista del film vincitore dell’Orso d’Oro 2019 Synonyms, Adina Pintilie (Romania), regista di Touch Me Not, Orso d’Oro nel 2018, Ildikó Enyedi (Ungheria), regista del film vincitore dell’Orso d’Oro On Body and Soul, 2017, e Jasmila Žbanić (Bosnia ed Erzegovina), che vinse l’Orso d’Oro nel 2006 con Grbavica.

– Margherita Bordino

ACQUISTA QUI il dvd di Notturno

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.