“Luca”, il nuovo film della Disney Pixar sarà “girato” in Italia e diretto da Enrico Casarosa

La Disney Pixar annuncia un nuovo film d’animazione ambientato in Italia e alla regia ci sarà Enrico Casarosa, già nominato agli Oscar con il corto La Luna. Il film uscirà nelle sale americane il 18 giugno 2021

Luca di Enrico Casarosa
Luca di Enrico Casarosa

Una bellissima notizia riguardo all’universo dell’animazione arriva dalla major americana Disney Pixar che annuncia un nuovo film e ambientato in Italia, in una città sul mare lungo la costa ligure. Il film dal titolo Luca sarà diretto da Enrico Casarosa, già candidato ai Premi Oscar per il corto La Luna, e cresciuto negli stessi luoghi che vedremo nel film. Su Luca si sa ben poco: uscirà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo il 18 giugno 2021 e sarà una fiaba su un ragazzo che trascorre l’estate gustando gelati e pasta e scorrazzando felicemente in scooter. Luca non sarà solo ma incontrerà un nuovo amico con cui condividerà una grande avventura: si preannuncia un viaggio colorato tra la riviera italiana e i nostri fondali marini.

IL NUOVO FILM DELLA DISNEY “LUCA”

“Questa è una storia profondamente personale per me, non solo perché è ambientata sulla Riviera italiana dove sono cresciuto, ma perché al centro di questo film c’è una celebrazione dell’amicizia. Le amicizie infantili spesso fanno da rotta a chi vogliamo diventare, e sono quei legami a essere al centro della nostra storia in Luca”, ha dichiarato Casarosa in una nota stampa. “Quindi, oltre alla bellezza e al fascino del mare italiano, il nostro film presenterà un’avventura estiva indimenticabile che cambierà radicalmente Luca”. Con Luca la Disney Pixar segue quindi la nuova tradizione che vede sempre meno in primo piano le principesse, una tradizione che racconta situazioni attuali, universali, in modo diretto e senza troppe allusioni o metafore, pur usando tanta magia, follia e nostalgia.

LA LUNA DI CASAROSA

La Luna, il corto Pixar che ha condotto Enrico Casarosa fino alla nomination agli Oscar, mostra già quelli che sono i temi cari a questo regista quali la tradizione e la storia personale. In La Luna si vedono un bambino, un padre e un nonno insieme in mare e in piena notte a bordo della loro barchetta di legno. Al bambino viene consegnato in regalo un cappello (classica coppola siciliana), in attesa che qualcosa di bizzarro accada. Il corto è un rito di passaggio, appunto di padre in figlio, che avviene al chiaro di luna, unica vera grande e luminosa testimone. Ed è sulla luna che il bambino arriverà, luna che scoprirà essere un’enorme sfera fatta di stelle. Mentre il papà e il nonno sono impegnati a battibeccarsi, ognuno cristallizzato sul proprio modo di intendere la vita, il bambino si lascerà trasportare dalla magia di quel lavoro bizzarro e dal fascino della luna, scegliendo da sé come vedere il mondo. La Luna, scritto e diretto dal genovese Casarosa, si basa oltre che sui racconti di Antoine de Saint-Exupéry e Italo Calvino, anche sull’animazione e lo stile di Hayao Miyazaki e da La Linea di Osvaldo Cavandoli.

– Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.