Fase 2. Festival di cinema e industria cinematografica come si stanno muovendo?

Dal 18 maggio dovrebbero riaprire i musei e i siti archeologici, mentre per quanto riguarda le sale cinematografiche ancora nessuna notizia all’orizzonte. Ecco che alcuni festival fanno coesione e alcune distribuzioni iniziano ad investire quasi totalmente nelle sale digitali

Una sala cinematografica vuota
Una sala cinematografica vuota

In attesa di abituarci a una nuova normalità, il cinema italiano inizia a fare i conti con l’imminente futuro incerto tra sale digitali, coesione tra festival e varie iniziative. Segnaliamo quindi alcune attività e decisioni che si stanno prendendo in questi giorni e che un po’ mettono in discussione tutto il comune sistema cinema del nostro Paese, anche in attesa di scoprire nelle prossime settimane che ne sarà della 77esima Mostra del Cinema di Venezia. 

TORINO FILM FESTIVAL 

Tanti, tantissimi sono i festival italiani che erano previsti in questi mesi dell’anno e che per forza di cose sono stati costretti a rimandare la loro edizione o ad annullarla. Dal Torino Film Festival, previsto dal 20 al 28 novembre e manifestazione che negli anni ha abituato stampa e pubblico al suo essere “multiforme”, arriva la decisione di prevedere una edizione online. “Allo stato attuale delle cose, il Torino Film Festival diventa un articolato progetto culturale per il web che non deve disturbare la filiera della distribuzione e non sarà una semplice trasposizione online”, ha detto il nuovo direttore Stefano Francia di Celle ai microfoni di Hollywood Party. E ha aggiunto: “la speranza di riuscire a tornare in sala al più presto è fortissima e se così sarà faremo proficuamente coesistere le due opportunità in un progetto di svolta”. Una decisione coerente con il festival, essere multiforme e offrire ogni tipo di possibilità. Sarà sicuramente però un’edizione differente da quelle dirette in modo così fermo e autentico da Emanuela Martini (in carica dal 2014 al 2019). 

FONDAZIONE CINEMA PER ROMA 

La Fondazione Cinema per Roma presieduta da Laura Delli Colli in attesa della Festa del Cinema prevista dal 15 al 25 ottobre, accompagna gli appassionati nel dietro le quinte con l’iniziativa Backstage – il cinema e i suoi mestieri, curato insieme a Mario Sesti. Come nasce un film e che cosa c’è, oltre il talento, nel lavoro alla base di ogni opera cinematografica? I primi artisti a prestare i loro racconti e testimonianze in questo senso sono Anna Foglietta e Pierfrancesco Favino, insieme a loro anche altre personalità del settore, molte delle quali premiate con i maggiori riconoscimenti del cinema italiano e internazionale: Daniele Luchetti (regista), Pietro Valsecchi (produttore), Nicola Guaglianone (sceneggiatore), Daniele Ciprì (autore della fotografia), Massimo Cantini Parrini (costumista), Francesco Vedovati (casting director) e Francesco Pegoretti (cinema hairstylist).  Questi appuntamenti saranno visibili di volta in volta sul sito www.romacinemafest.org e attraverso i canali social della Fondazione @romacityfest.

Map to the Stars
Map to the Stars

MAP TO THE STARS, LA APP DEDICATA AI FESTIVAL ITALIANI 

Alcuni festival italiani di cinema si uniscono e puntano alla tecnologia e al digitale. AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema lancia un’applicazione gratuita disponibile su Google Play e Apple Store per scoprire oltre 75 festival. Attraverso questa app è possibile scoprire e conoscere tante rassegne che hanno scelto di cambiare forma e modulo almeno per il 2020. È la naturale prosecuzione dello sforzo di promozione e divulgazione dei festival che l’Associazione porta avanti sin dalla sua nascita, uno strumento indispensabile nell’ottica di una sempre maggiore interconnessione tra le manifestazioni cinematografiche che si adeguano alle nuove tecnologie. Alla base di questa coesione e di questa app c’è la voglia di rimarcare la varietà e l’imprescindibile valore culturale proprio di ognuno degli eventi cinematografici. 

DISTRIBUZIONE DIGITALE 

E nell’attesa di sapere quando le sale cinematografiche potranno tornare alla loro regolare programmazione, alcune distribuzioni si sono organizzate per licenziare il loro archivio in modo gratuito o a pagamento, altre hanno deciso di non tenere i film pronti nel cassetto ma anzi di condividerli. È una vera scommessa scegliere di mettere un film a noleggio online nell’era di Netflix, Amazon Prime Video, Disney+, AppleTV+, eppure c’è chi ha scelto di provare questa strada. In queste settimane infatti sono usciti e stanno per uscire diversi film che avremmo dovuto vedere come Un figlio di nome erasmus e La sfida delle mogli della Eagle Pictures; 7 ore per farti innamorare, D.N.A. (Decisamente non adatti) e Tornare di Vision Distribution; Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge e Tornare a vincere della Warner Bros; Emma e Trolls World Tour della Universal Pictures.

– Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.