Arte, cinema, performance e teatro: 5 appuntamenti da non perdere nell’autunno di Roma

Cinema, performance, arti figurative, teatro, musica, danza: si prospetta un autunno carico di cultura per la città di Roma, con un ricco programma di eventi che fanno della multidisciplinarietà e della sperimentazione artistica la loro peculiare cifra stilistica. Ecco una lista dei 5 appuntamenti da non perdere

Giant, Milica Zec, courtesy Fondazione Pianoterra
Giant, Milica Zec, courtesy Fondazione Pianoterra

Cinema, performance, arti figurative, teatro, musica, danza: si prospetta un autunno carico di eventi culturali per la città di Roma, con un ricco programma di festival e appuntamenti che fanno della multidisciplinarietà e della sperimentazione artistica la loro peculiare cifra stilistica, proponendosi inoltre come laboratori per la creazione di nuovi linguaggi e la scoperta di nuovi orizzonti estetici. Musei, teatri, sale cinematografiche e fondazioni, sono tanti i luoghi della cultura coinvolti che faranno da palcoscenico alle manifestazioni che dalle prossime settimane animeranno la capitale: si parte il 20 settembre con Romaeuropa Festival, mentre il 21 verranno inaugurati il Live Cinema Festival al MACRO e la programmazione di Teatri di Vetro. Il 24 sarà la volta del Magic Lantern Festival al Cinema dei Piccoli, mentre il 6 ottobre presso il MAXXI sarà presentato Giant, il nuovo film della regista Milica Zec.

– Desirée Maida

1. I 100 GIORNI DEL ROMAEUROPA FESTIVAL

Romaeuropa Festival 2016 – Jan Martens, The dog days are over – photo © Piet Goethals

Oltre 300 artisti provenienti da 32 paesi, 80 progetti con 60 spettacoli oltre a mostre, installazioni, convegni e percorsi di formazione, 174 repliche in 24 luoghi diversi, 7 prime assolute e 32 programmi internazionali: sono i numeri della 32esima edizione di Romaeuropa Festival, manifestazione interdisciplinare che quest’anno si svolgerà dal 20 settembre al 2 dicembre presso i principali luoghi della cultura della capitale, come il Teatro Argentina, la Pelanda del Macro e l’Auditorium Parco della musica. Sasha Waltz, Dada Masilo, Sidi Larbi Cherkaoui, Jan Fabre, Jeff Mills, Tony Allen, Carl Craig, Alessandro Baricco e Roberto Herlitzka sono solo alcuni degli artisti invitati a partecipare alla manifestazione, che quest’anno si articolerà come un racconto attraverso le sezioni Visions, Powerful Stories, Sharing e Selfie. Inoltre sarà dato spazio a focus e rassegne collaterali, come gli spettacoli dedicati a bambini e famiglie di REF Kids a cura di Stefania Lo Giudice, i giorni dedicati alla nuova danza europea di Dancing Days a cura di Francesca Manica, i talk e i momenti di scambio e formazione di Community a cura di Lara Mastrantonio e Matteo Antonaci. Si parte il 20 settembre al Teatro Argentina con Kreatur di Sasha Waltz, per continuare dal 21 al 23 al Teatro India con Nachlass dei Rimini Protokoll, spettacolo presentato al Romaeuropa Festival in collaborazione con Short Theatre. Il 30 settembre sarà la volta di Jan Fabre, che torna al Romaeuropa Festival dopo aver presentato nel 2015 il suo Mount Olympus, opera monumentale della durata di 24 ore vincitrice del Premio Ubu 2016. Il nuovo Belgian rules/ Belgium rules, in scena fino all’1 ottobre al Teatro Argentina, è un’invettiva e al contempo una dedica al suo Belgio e una riflessione personalissima sul presente dell’Europa.

Dal 20 settembre al 2 dicembre 2017
Romaeuropa Festival
Sedi varie
https://romaeuropa.net/

2. ARTE E TECNOLOGIA AL LIVE CINEMA FESTIVAL AL MACRO

Live Cinema Festival, Henk Nijman Julian Theelen, Entropic love. Ph. Stefano Bruni 2016

Dal 21 al 24 settembre torna negli spazi del MACRO – Museo d’arte contemporanea Roma Live Cinema Festival, manifestazione internazionale incentrata sulle più innovative performance di spettacoli audio-video dal vivo. Giunta alla sua quarta edizione e sotto la direzione artistica di Claudio Guerrieri, Live Cinema Festival indaga e promuove tutti i fenomeni artistici cui si attribuisce il termine Live Cinema, attraverso performance inedite realizzate in real-time. Per Live Cinema s’intende una tecnica narrativa sperimentale applicata al video performativo, che dà vita alla creazione simultanea di suoni e di immagini in tempo reale, in cui i parametri tradizionali del cinema narrativo si espandono in una concezione più ampia. Performance, screenings e workshop si susseguiranno durante le quattro giornate del festival, che quest’anno vanta la presenza di artisti quali Ash Koosha, Funki Porcini e il collettivo internazionale Kanaka. Tra gli appuntamenti da non perdere, il 24 settembre il regista e compositore austriaco Klaus Obermaier presenterà l’opera Faceless, riflessione sull’anonimizzazione del volto umano in una società, in particolare l’America di Trump, che accresce sempre di più le pratiche di sorveglianza. In Faceless, Obermaier scompone e ricompone in tempo reale il proprio volto, alternandolo a quello del Presidente degli Stati Uniti nel celebre discorso inaugurale che sancì la politica del “Make America great again”.

Dal 21 al 24 settembre
Live Cinema Festival
MACRO – Museo d’arte contemporanea Roma
https://livecinemafestival.com

3. TEATRO, DANZA E MUSICA AL FESTIVAL TEATRI DI VETRO

Teatri del Vetro, Macbettu, Teatro Persona ph. Alessandro Serra

Oltre 40 spettacoli tra teatro, danza e musica animeranno il Festival Teatri di Vetro, rassegna di arti sceniche contemporanee diretta da Roberta Nicolai che quest’anno si svolgerà dal 21 settembre al 12 novembre. L’11esima edizione consolida le collaborazioni con il Teatro Vascello, Centrale Preneste, Fondazione Volume!, Carrozzerie n.o.t., le librerie Tuba e Giufà, e ne stringe di nuove con il Teatro del Lido di Ostia, il Teatro Brancaccino, il Conservatorio Statale O. Respighi, l’Accademia Nazionale di danza e l’Università degli Studi di Roma Tre – Roma Tre Radio. Guarda indietro, guarda avanti è il concept di questa nuova edizione, il filo conduttore che lega gli spettacoli in programma in un’unica riflessione sulla storia, tra creazione contemporanea e movimento a ritroso. Uno sguardo che, per poter guardare avanti, si rivolge all’indietro, e che si esplicita al tempo stesso in riletture critiche e nell’impegno degli artisti in processi di innovazione e superamento. Tra gli eventi in programma, dal 21 al 23 settembre presso la Fondazione Volume! sarà visibile l’istallazione performativa B-SIDE di Salvo Lombardo e Isabella Gaffè, mentre il 2 ottobre al Teatro Vascello andrà in scena Macbettu, spettacolo della compagnia Teatropersona/Teatro di Sardegna interpretato in sardo da soli uomini, come vuole la tradizione del teatro elisabettiano.

Dal 21 settembre al 12 novembre
Festival Teatri di Vetro
Sedi Varie
www.teatridivetro.it

4. L’IMMAGINARIO INFANTILE NEL MAGIC LANTERN FESTIVAL

Marco Raparelli_Elefant and man

Dal 26 al 28 settembre al Cinema dei Piccoli arriva il Magic Lantern Film Festival, appuntamento semestrale ideato e curato da Maria Alicata, Adrienne Drake e Ilaria Gianni che indaga l’intersezione tra arti visive e cinema. Il festival si propone sia come strumento per la diffusione dei linguaggi artistici che usano il film come mezzo privilegiato per dare forma all’immaginazione, sia come indagine critica su autori, idee e generi. Wonderland è il titolo della rassegna del prossimo appuntamento del festival, che rifletterà su come l’immaginario infantile abbia inciso nella produzione di alcune poetiche artistiche contemporanee. I lavori degli artisti e registi selezionati – John Baldessari, Marvin Gaye Chetwynd, Ryan Gander, Andy Holden, Rachel Maclean, Quay Brothers e Marco Raparelli – scompongono la semiotica estetica e la dimensione iconica legata al mondo dell’infanzia per proporre l’altra faccia della medaglia delle rassicuranti caratteristiche fanciullesche. Ingenuità, grazia, umorismo e bellezza vengono scardinati e rivelati nelle loro sfumature più politiche, concettuali e grottesche. Nella serata inaugurale del 26 settembre, sarà proiettato Over the Rainbow di Rachel Maclean, cortometraggio ispirato alle utopie in Technicolor della televisione per bambini che invita lo spettatore a entrare in un universo deformato abitato da teneri mostri, cloni senza volto e dive pop grottesche.

Dal 26 al 28 settembre
Magic Lantern Film Festival
Cinema dei Piccoli

5. REALTÀ VIRTUALE AL MAXXI

Giant, Milica Zec

Dal 6 all’8 ottobre al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo verrà proiettato Giant, film in realtà virtuale di Milica Zec e Winslow Turner Porter III e presentato a Roma dalla Fondazione Pianoterra. Protagonista del film è la guerra, esperienza che solitamente gli europei e gli statunitensi vivono solo attraverso i notiziari in tv o il web. Giant vuole aprire una finestra su ciò che può voler dire per una comune famiglia americana trovarsi davvero nell’epicentro di un conflitto. Grazie allo strumento della realtà virtuale, il pubblico si ritrova catapultato per un istante in una zona di guerra assieme a Clara, Josh e Rose. Questo, nelle intenzioni degli autori, può contribuire ad accorciare le distanze e sviluppare una condizione di empatia nei confronti delle persone che vivono uno sconvolgimento del tutto indipendente dalle loro scelte o dal loro controllo, e che in quel caos cercano delle vie per proteggersi e proteggere chi amano.

Dal 6 all’8 ottobre 2017

Milica Zec e Winslow Turner Porter III // Giant
MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo
www.maxxi.art.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.