Tutti festival di gennaio 2022. Da Artbeat a Festivalino digitale, Muri d’artista e Mozart Verona

Dalla musica alle arti visive, passando per la street art e la comunicazione fino ai documentari sul dietro le quinte dei festival, c’è tutta una serie di rassegne pronte a partire. Tra conferme e novità, ecco quali sono

L’Italia si conferma nonostante tutte le difficoltà di questi strani anni il paese dei festival culturali. Dalla letteratura alla filosofia, dalla storia al cinema passando per la musica. Un caso unico a livello globale. Dopo mesi di restrizioni e chiusure su tutto il territorio nazionale, anche per questo inizio del nuovo anno c’è tutta una serie di festival dedicati a vari temi – dalle arti visive, alla comunicazione passando per la street art fino ai documentari sul dietro le quinte appunto dei festival – che, tra conferme e novità, aspettano solo di partire o ripartire. Vediamo quali sono…

– Claudia Giraud

1. ARTBEAT – FESTIVAL DI MUSICA E ARTE VISIVA A ROMA

BNKRR44 Francesco Bartoli Avveduti

Sarà una sola serata di musica e arte, realizzata dai ragazzi del Master in Media and Entertainment – Major in Music della Luiss Business School che vuole porre al centro l’arte a 360 gradi. Stiamo parlando dell’evento ArtBeat che andrà in scena il 14 gennaio al Monk di Roma grazie al lavoro delle future nuove leve dell’industria musicale, per cui la serata sarà sia un importante banco di prova per dare forma concreta alle nozioni apprese nell’ultimo anno, sia un’occasione per dare un supporto altrettanto concreto alla ripartenza del settore, tra i più danneggiati dalla pandemia del Covid-19. Proprio per questo l’intero ricavato della serata sarà devoluto a “Scena Unita – Per i lavoratori della musica e dello spettacolo”. Oltre alle esibizioni di artisti emergenti del panorama musicale italiano come gli BNKR44, collettivo di ventenni toscani che uniscono il rap con le suggestioni del rock, gli spazi del locale saranno dedicati all’esposizione di opere di giovani talenti artistici di nuova generazione.

https://www.monkroma.it/

2. FESTIVALINO DIGITALE – LA RASSEGNA ONLINE DI SOLIDO NETWORK DI 3 FESTIVAL

Solido

Forte dei buoni risultati ottenuti durante la prima edizione, torna dal 10 al 12 gennaio Festivalino Digitale, la rassegna online di live streaming, webinar e panel su comunicazione, direzione artistica e tutto ciò che riguarda il mondo dei festival musicali; e che quest’anno aggiunge alla programmazione anche la sezione dedicata ai documentari sul dietro le quinte dei festival. Festivalino Digitale è presentato da Solido, il coordinamento che riunisce tre prestigiosi festival emiliano-romagnoli: Ferrara sotto le stelle, acieloaperto e Arti Vive. Tra i vari appuntamenti del programma di apertura, da segnalare quello con Emidio Clementi che legge Robert Lowell. In esclusiva per Solido, lo scrittore, cantante e musicista dei Massimo Volume leggerà direttamente dallo studio di casa sua alcune composizioni del poeta statunitense.

https://www.instagram.com/solido.rete/

3. UNA NOTTE COME QUESTA – CIRCOLO DELLA MUSICA DI TORINO

Una notte come questa Circolo della musica stagione22

Prosegue il viaggio sonoro del Circolo della musica, il progetto della Fondazione Circolo dei lettori di Torino che esplora i panorami della musica dal vivo. Un’avventura che comincia con un nuovo concept che vuole raccontare quanta poesia ci sia nella musica dal vivo, esplorando l’intreccio di emozioni che si vivono sotto il palco, avvolti dai suoni di un concerto live. Si chiama Una notte come questa il claim della nuova stagione che ha il suo manifesto illustrato da Lucrezia Buganè, in arte Lucrèce, fumettista e illustratrice laureata all’Accademia delle Belle Arti di Bologna. Si parte il 14 gennaio con Laila Al Habash, giovane artista italo-palestinese già comparsa a Time Square, il cantautore e polistrumentista Sasso, il post-punk dei Soviet Soviet, il suono psych-rock dei New Candys, tra i dischi più acclamati del 2021. Apre febbraio il progetto “Let’s Get Lost” tributo all’opera di Elliot Smith. Marzo è un mese speciale che vede la partecipazione di Alexander Hacke degli Einsturzende Neubauten, con Daniele De Picciotto, artista multimediale americana trapiantata a Berlino e cantante degli Space Cowboys, famosa anche per aver dato vita, insieme a dr. Motte alla Love Parade; e infine la voce unica di Martina Topley-Bird celebre musa di Tricky e cantante per Massive Attack, Gorillaz e Prodigy.

Vai al sito del festival

4. MURI D’ARTISTA 2021 – LA CITTADELLA DEGLI ARCHIVI DI MILANO

Luca Di Maggio Il velodromo Vigorelli e la nazionale azzurra 2021

La Cittadella degli Archivi di Milano, tra i poli archivistici più moderni d’Europa con oltre 70 km lineari di archivi che racchiudono tutta la memoria storica degli ultimi 100 anni della città, è un luogo simbolico che si presenta con brutale impatto – un ruvido magazzino/parallelepipedo bianco, falsamente senza anima – ma in realtà scrigno di storia passata, nomi, realtà, documenti, lettere, testimonianze, immagini storiche, bandi, manifesti, libri. Ora è stato riqualificato grazie al progetto Muri d’artista 2021, a cura di Isorropia Homegallery: 40 murales realizzati lungo tutto il lato sud di Cittadella, realizzati da 10 artisti che hanno reinterpretato alcuni degli avvenimenti custoditi negli archivi di via Gregorovius. Prosegue quindi il progetto di riqualificazione urbana avviato nel 2015, a cura di Rossella Farinotti, in collaborazione con l’Amministrazione comunale e il Municipio 9, con la realizzazione di 80 muri d’artista confermando ancora una volta l’Archivio comunale come incubatore creativo, un Museo esterno che comunica alla città. La presentazione avverrà con un grande evento aperto alla città sabato 15 gennaio alle ore 11.30.

Muri d’artista 2021
La Cittadella degli Archivi
Via Ferdinando Gregorovius, 15, 20162 Milano MI
Inaugurazione: sabato 15 gennaio 2022 ore 11.30

5. MOZART A VERONA 2022

Concerto 30.12.2020 FotoEnnevi

Una settimana di eventi fino all’11 gennaio che vede per il terzo anno consecutivo la collaborazione tra Comune di Verona, Fondazione Cariverona, Accademia Filarmonica di Verona e Fondazione Arena in occasione dell’anniversario dei 252 anni dall’importante visita in città del genio salisburghese, all’epoca non ancora quattordicenne.

www.arena.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).