Lo Schermo dell’arte sbarca in Puglia. Al via a Lecce la rassegna Art:Film: focus sull’uso più innovativo delle moving images, da Doug Aitken a Yuri Ancarani

Il ruolo delle moving images nella pratica artistica contemporanea e il dibattito sul rapporto tra arte e cinema. È questo il fulcro tematico di Art:Film, la rassegna dedicata al documentario su arte contemporanea e film d’artista, in programma dal 6 all’8 ottobre alla Nuova Sala Cinema del Cineporto di Puglia, a Lecce. Finanziata da Apulia […]

Il ruolo delle moving images nella pratica artistica contemporanea e il dibattito sul rapporto tra arte e cinema. È questo il fulcro tematico di Art:Film, la rassegna dedicata al documentario su arte contemporanea e film d’artista, in programma dal 6 all’8 ottobre alla Nuova Sala Cinema del Cineporto di Puglia, a Lecce. Finanziata da Apulia Film Commission in collaborazione della creative producer Lara Castrignanò e a cura del festival fiorentino diretto da Silvia Lucchesi Lo Schermo dell’Arte, la manifestazione prevede tre appuntamenti principali che spaziano da proiezioni di documentari su artisti del calibro di Anish Kapoor e William Kentridge – in edizione originale e sottotitoli in italiano – a incontri, approfondimenti e dibattiti con autori, artisti e curatori.
In particolare verranno proiettate le opere filmiche di artisti che hanno adoperato in modo peculiare e innovativo le moving images nel loro percorso artistico, come Yuri Ancarani, che presenta la trilogia Il capo, Piattaforma Luna, Da Vinci prodotta da Maurizio Cattelan e incentrata sul rapporto uomo-macchina. Tra gli ospiti di Art:Film ci sarà inoltre Davide Giannella, curatore di Glitch. Interferenze tra arte e cinema, mostra inaugurata lo scorso inverno al PAC di Milano.
Oltre al documentario di Heinz Peter Schwerfel, The world according to Kapoor (2011), dedicato all’ “ingegnere dell’impossibile” che narra il suo rapporto con la scultura e descrive il suo percorso artistico di sperimentazione e ricerca e al documentario William Kentridge, Anything is possible (2010) di Susan Sollins e Charles Atlas, la rassegna propone altri film d’artista quali Trento Symphonia, sul lavoro di post- produzione dell’immagine del collettivo milanese Flatform, il documentario Station to station dell’artista americano Doug Aitken – Leone d’oro alla Biennale del 1999 – e Ladies and Gentlemen di Luca Bolognesi, premiato allo Schermo dell’Arte nel 2010.

Cecilia Pavone

www.schermodellarte.org
www.assaycult.com

 

 

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".