Larry Gagosian imprenditore immobiliare: il re degli art dealer vende la sua casa a New York per 18 milioni di dollari. In attesa che sia pronta la sua nuova mega residenza nell’Upper East Side

Larry Gagosian ha venduto per 18 milioni di dollari un’ex rimessa convertita in abitazione nell’Upper East Side, a New York. Pare ci sappia fare anche come imprenditore immobiliare, il gallerista americano. E non è la prima volta che lo dimostra. Stavolta ha messo a segno il colpo, vendendo l’immobile a tre piani a Sascha S. Baue, presidente […]

L'immobile che Gagosian ha venduto per 18 milioni di dollari

Larry Gagosian ha venduto per 18 milioni di dollari un’ex rimessa convertita in abitazione nell’Upper East Side, a New York. Pare ci sappia fare anche come imprenditore immobiliare, il gallerista americano. E non è la prima volta che lo dimostra. Stavolta ha messo a segno il colpo, vendendo l’immobile a tre piani a Sascha S. Baue, presidente del consiglio di amministrazione dello SculptureCenter di Long Island.
Non sono molte le informazioni in circolazione su questa casa, ma si presume si tratti dell’abitazione privata dove Gagosian teneva la sua personale collezione d’arte, che conta pezzi di PicassoRichard PrinceAndy WarholDamien Hirst Roy Lichtenstein, tra gli altri.
La notizia della vendita sembrerebbe smentire le voci circolanti negli ultimi anni, secondo cui Gagosian sarebbe intenzionato a trasformare in una galleria d’arte l’Harkness Mansion – sempre nell’Upper East Side – acquistata nel 2011 per 36,5 milioni di dollari, contro i 53 investiti dal venditore Christopher Flowers qualche anno prima. A questo punto è più probabile che l’imponente edificio attualmente in fase di restauro diventi la nuova residenza del gallerista. In ogni caso, quel che è certo è che alle sue pareti non mancheranno opere d’arte da milioni di dollari.

Marta Pettinau

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.