Il Rinascimento della Toscana? È il Novecento. In un progetto di marketing culturale con itinerari inediti, una rete di più di 100 musei e una app (anche in cinese e russo)

Oltre la Toscana degli Etruschi, dei sarcofaghi lavorati e delle tombe dipinte, della raffinata oreficeria e dei bronzi. Oltre il Rinascimento e gli Uffizi ricolmi di capolavori del passato. Oltre le architetture del Brunelleschi e i percorsi d’arte visti e stravisti. Toscana ʹ900 è un progetto strutturato che intende valorizzare un’altra Toscana, quella del secolo scorso, […]

Oltre la Toscana degli Etruschi, dei sarcofaghi lavorati e delle tombe dipinte, della raffinata oreficeria e dei bronzi. Oltre il Rinascimento e gli Uffizi ricolmi di capolavori del passato. Oltre le architetture del Brunelleschi e i percorsi d’arte visti e stravisti. Toscana ʹ900 è un progetto strutturato che intende valorizzare un’altra Toscana, quella del secolo scorso, quella del futurista Gino Severini, di Jannis Kounellis e delle sculture ambientali di Daniel Spoerri, per esempio. E che punta a costruire itinerari inediti e una rete museale, tra realtà grandi e piccole, che mostri il contributo della regione – ignorato da molti – alla vivacità artistica del Novecento italiano.
Promosso dalla Regione Toscana e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, il progetto è assieme una ricognizione geografica con percorsi diversificati, una guida edita da Skira, una app gratuita in quattro lingue (italiano, inglese, cinese e russo), musei, mostre ed eventi collaterali che si svolgeranno dal 13 giugno fino al prossimo 31 dicembre. Le realtà museali che sono state interpellate sono più di 100. Ognuna con una sua storia. Ognuna con un tassello da aggiungere a questi nuovi tracciati. Con 22 musei capofila che resteranno aperti anche il sabato e la domenica con attività didattiche, laboratori per famiglie e visite guidate gratuite.
Nella app, oltre ai musei e ai luoghi d’arte censiti, sono indicati spettacoli, eventi enogastronomici e fiere che si svolgeranno sul territorio. Le schede itinerario, con tanto di elenco dei musei e piantine del percorso sono: Case museo e case d’artista, Vie della scultura, Parchi e arte ambientale nella Toscana meridionale, Liaisons: il Novecento e l’antico a Firenze, Un itinerario in bianco e nero: la grafica del Novecento, Musei della moda e del design.
Nella photogallery, alcuni dei musei toscani coinvolti nel progetto…

Marta Pettinau

 

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.