La biblioteca del nuovo CACC, Centro Arte Contemporanea Cittadella, si fa con il book crossing. Ospite d’onore dell’evento, lo scrittore Tiziano Scarpa

L’accoppiata vincente cultura e riuso di spazi abbandonati e in disuso ha ormai preso piede anche in Italia. Ne è un nuovo esempio il progetto dell’associazione no-profit CACC – Centro Arte Contemporanea Cittadella, per le ex scuderie di Villa Ca’ Nave: 1300 metri quadri di degrado in provincia di Padova che saranno presto trasformati in […]

Sala lettura CAAC

L’accoppiata vincente cultura e riuso di spazi abbandonati e in disuso ha ormai preso piede anche in Italia. Ne è un nuovo esempio il progetto dell’associazione no-profit CACC – Centro Arte Contemporanea Cittadella, per le ex scuderie di Villa Ca’ Nave: 1300 metri quadri di degrado in provincia di Padova che saranno presto trasformati in un luogo di coworking e di produzione e promozione delle discipline contemporanee.
Nel mese del libro, il CACC organizza un evento di book crossing come primo appuntamento per coinvolgere la città, in vista dell’apertura ufficiale del centro il prossimo settembre. Domenica 3 maggio, Dona e condividi un libro, sarà un momento di condivisione collettiva per immaginare e partecipare alla costruzione di quelle che saranno la sala lettura e la biblioteca del centro. All’evento prenderà parte lo scrittore veneziano Premio Strega 2009, Tiziano Scarpa, che presenterà il suo ultimo libro Come ho preso lo scolo. A questo appuntamento, ne seguiranno altri per accompagnare e rendere la città partecipe di tutti gli step della riconversione delle ex scuderie.

Marta Pettinau

www.cacc.it

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.