Prado tricolore: a Gabriele Finaldi, emigrato alla National Gallery di Londra, succede come direttore aggiunto Miguel Falomir Faus, capo del dipartimento di pittura italiana del Rinascimento

SE NE VA UN ITALIANO, ARRIVA UNO STUDIOSO DI ARTE ITALIANA Nomina interna al Prado per la sostituzione di Gabriele Finaldi. Il consiglio di amministrazione del museo ha approvato infatti la scelta di Miguel Falomir Faus – attuale capo del dipartimento di pittura italiana del Rinascimento – a nuovo direttore aggiunto di conservazione e investigazione […]

Miguel Falomir Faus

SE NE VA UN ITALIANO, ARRIVA UNO STUDIOSO DI ARTE ITALIANA
Nomina interna al Prado per la sostituzione di Gabriele Finaldi. Il consiglio di amministrazione del museo ha approvato infatti la scelta di Miguel Falomir Faus – attuale capo del dipartimento di pittura italiana del Rinascimento – a nuovo direttore aggiunto di conservazione e investigazione della prestigiosa istituzione spagnola. Falomir entrerà in carica già il primo di giugno, facilitando così il passaggio di consegne con l’italo-inglese Finaldi, che lascerà definitivamente Madrid nella seconda metà di agosto, alla volta della National Gallery di Londra. Non ancora cinquantenne, originario di Valencia, Falomir da diciott’anni è capo del dipartimento di Conservazione del Prado, con un curriculum scientifico impeccabile.

LO SCOPRITORE DELLA GIOCONDA DEL PRADO
Fra i massimi specialisti di pittura veneziana del XVI secolo, da sempre “si cura” di Tiziano, Tintoretto, Raffaello e Beato Angelico e dei tanti altri pittori italiani del Rinascimento che costituiscono l’ossatura delle collezioni reali del museo. Portano la firma di Falomir alcuni importanti eventi espositivi organizzati a Madrid nell’ultimo decennio, come la mostra su Tiziano nel 2003, quella dedicata a Tintoretto nel 2007, il Ritratto nel Rinascimento nel 2008 e la più recente sull’Ultimo Raffaello (2013), nonché la scoperta della Gioconda del Prado, quadro considerato oggi, dopo l’accurato restauro, una copia autentica e coeva del celebre ritratto di Leonardo da Vinci.

È SUO IL CATALOGO RAGIONATO DI TIZIANO
Falomir – che ha commentato la propria nomina alla stampa come un riconoscimento allo straordinario lavoro di tutti i conservatori del museo – ha dichiarato, tra le sue intenzioni, di voler potenziare il Centro Studi del Prado, creando una connessione ideale tra università e museo. Risvegliare l’interesse dei giovani studiosi per la pittura antica è uno degli obiettivi del nuovo direttore aggiunto del museo madrileno. Del Prado, infatti, si parla oggi come di un modello di gestione in termini sia di alto profilo scientifico, sia per le capacità manageriali di attrarre nuovo pubblico. Secondo Falomir, “l’apparato scientifico è il vero talento dell’istituzione, perché il museo non diventi una Disneyland”. E in attesa di preparare le celebrazioni per il bicentenario del Prado (2019), il nuovo direttore sta per concludere l’opera monumentale del catalogo ragionato di Tiziano.

– Federica Lonati

CONDIVIDI
Federica Lonati, nata a Milano nel 1967, diploma di Liceo classico a Varese, si è laureata nel 1992 in Lettere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica di Milano con una tesi dedicata all’opera lirica e alla sua riproducibilità audiovisiva (Comunicazioni Sociali). Giornalista professionista dal 1997, dai primi anni Novanta collabora con “La Prealpina”, quotidiano di Varese, scrivendo soprattutto di teatro, opera lirica e musica classica. Dal 1995 è assunta nella redazione di “Lombardia Oggi”, settimanale di attualità, spettacoli e tempo libero, allegato domenicale al quotidiano “La Prealpina”. Redattore ordinario fino all’agosto del 2005, si occupa delle pagine di arte, musica classica e attualità in generale. Dal settembre 2005 vive a Madrid. Dalla Spagna ha scritto articoli per “Libero”, “Qui Touring”,”Il Corriere del Ticino”, “Il Sole 24 Ore” e “Grazia”. Tra il 2008 e il 2011 ha collaborato con “Agrisole”, supplemento settimanale del “Sole 24 ore”, realizzando cronache e reportage dedicati all’economia agricola spagnola.