Sciopero al Maxxi. Cambia il gestore dei servizi museali, 40 lavoratori in mobilità incrociano le braccia. E anche al Palaexpo ci sono turbolenze sindacali

La eco delle agitazioni sindacali che da mesi ormai interessano la National Gallery di Londra pare aver varcato la Manica, giungendo fino a Roma. Le prime avvisaglie si erano manifestate lo scorso 6 marzo, con un appello lanciato da circa 40 dipendenti di Civita Cultura impiegati al Maxxi nei servizi al pubblico, “dall’assistenza alla visita […]

La eco delle agitazioni sindacali che da mesi ormai interessano la National Gallery di Londra pare aver varcato la Manica, giungendo fino a Roma. Le prime avvisaglie si erano manifestate lo scorso 6 marzo, con un appello lanciato da circa 40 dipendenti di Civita Cultura impiegati al Maxxi nei servizi al pubblico, “dall’assistenza alla visita alla tutela del patrimonio esposto”. Lo scorso 2 dicembre – informava la nota – “è infatti scaduta la concessione dei servizi strumentali assegnata a Civita Cultura quasi cinque anni fa; ed è stato emesso un nuovo bando ad evidenza europea. Solo quattro i partecipanti alla gara, che nei giorni scorsi è stata aggiudicata a National Service: un operatore che non ha mai gestito alcun servizio nel settore museale e che svolge essenzialmente compiti di ‘portierato e convegnistica’”. Ora la svolta: con l’annuncio dello sciopero per domenica 15 marzo, dopo che l’azienda ha annunciato l’apertura della procedura di mobilità. “In mancanza di rassicurazioni sulla continuità occupazionale da parte dell’azienda subentrante, la National services Srl, e della Fondazione del Maxxi”, recita una nota del sindacato Filcams Cgil, “confermiamo lo sciopero già annunciato non escludendo, se perdurerà il silenzio, di trasformarlo in uno sciopero a oltranza“.
Toni non troppo diversi arrivano dall’Azienda Speciale Palaexpo, dove l’assemblea di tutti i lavoratori ha deciso di inviare una lettera al Sindaco di Roma, come primo referente dell’Istituzione, per esternare le proprie preoccupazioni: “nonostante i nostri ripetuti appelli sembra confermato il taglio di oltre il 25% dei fondi, che vanno a sommarsi a quelli effettuati negli anni precedenti”. E pressochè sovrapponibili le richieste: “interventi urgenti per garantire il proseguo delle attività di una delle più prestigiose istituzioni culturali della città che da sempre fornisce servizi di qualità alla cittadinanza e ai turisti”, in mancanza dei quali si preannunciano azioni “per salvare il lavoro e i servizi al pubblico anche ricorrendo ad iniziative di mobilitazione e denuncia”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Eccomi come si fa un grande sciopero per gridare la voce che non c’è uno spazio anche ai giovani artisti contemporanei italiano