Lo Strillone: Anselm Kiefer si racconta nel paginone de La Stampa. E poi la rivista di Renzo Piano, Brunello Cucinelli, Pompei…

“Quando sto per cominciare un lavoro, mi sembra di essere bloccato nella materia del dipinto, tutt’uno con l’esistenza”. Parola di Anselm Kiefer: l’artista tedesco firma di suo pugno il paginone de La Stampa, raccontando del suo modo di lavorare. Un fondo su Il Sole 24Ore per il progetto che l’Unione Industriali di Napoli ha messo […]

Quotidiani
Quotidiani

Quando sto per cominciare un lavoro, mi sembra di essere bloccato nella materia del dipinto, tutt’uno con l’esistenza”. Parola di Anselm Kiefer: l’artista tedesco firma di suo pugno il paginone de La Stampa, raccontando del suo modo di lavorare.

Un fondo su Il Sole 24Ore per il progetto che l’Unione Industriali di Napoli ha messo sul piatto per il rilancio di Pompei, concentrando investimenti – al momento – sull’area extra moenia. Corriere della Sera torna, con un articolo a tutta pagina firmato Gian Antonio Stella, su Periferie, rivista di urbanistica ideata da Renzo Piano che da domenica verrà distribuita in allegato al Domenicale.

Chi fa da sé fa per tre: e sono tre i parchi a cui sta lavorando Brunello Cucinelli. Il re del cachemire racconta a La Repubblica il suo progetto per donare al borgo umbro di Solomeo tre aree pubbliche. Libero brinda in Sicilia a suon di zibibbo, con il mitico vino liquoroso entrato nella lista UNESCO dei patrimoni dell’umanità.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.