L’autunno delle grandi mostre, al Castello di Rivoli. Una rassegna sul disegno, da Picasso a Keith Haring. E un nuovo progetto di Sophie Calle

Siamo ancora in piena estate, ma è già tempo di prepararsi mentalmente alla nuova stagione museale. Che per il Castello di Rivoli, nell’anno del suo trentennale – con un compleanno da festeggiare il 18 dicembre – è  più che mai piena di eventi e di grandi mostre. Tra queste, Intenzione manifesta. Il disegno in tutte […]

William Kentridge

Siamo ancora in piena estate, ma è già tempo di prepararsi mentalmente alla nuova stagione museale. Che per il Castello di Rivoli, nell’anno del suo trentennale – con un compleanno da festeggiare il 18 dicembre – è  più che mai piena di eventi e di grandi mostre. Tra queste, Intenzione manifesta. Il disegno in tutte le sue forme (11 ottobre-25 gennaio), si prospetta come una delle più estese che il Museo abbia mai concepito, allestita contemporaneamente nell’ampio spazio della Manica Lunga e nelle sale al terzo piano della residenza Sabauda. A cura di Beatrice Merz e Marianna Vecellio, la rassegna si concentra sulla pratica del disegno, sovente nascosta o tenuta nell’ombra, ma che è , in realtà, la base comune di ogni pratica artistica, che si tratti di schizzi, progetti o di opere finite.
Partendo da un nucleo di artisti legati a vario titolo alla storia del Museo, vuoi perché ospitati in collezione, vuoi perché presentati in alcune delle più importanti mostre  di questi trent’anni, la ricerca si espande attraverso lo sguardo di oltre cinquanta nomi. Solo per citarne alcuni: da maestri come Pablo Picasso, Joan Mirò, Paul Klee, George Grosz, Osvaldo Licini e Renato Guttuso, a esponenti contemporanei di grande rilievo come William Kentridge, Matthew Barney (in mostra con i suoi Drawing Restraint) o Robin Rhode, quest’ultimo presente con una nuova performance basata sul disegno. Nell’allestimento di Intenzione manifesta dialogheranno anche testimonianze scritte e opere disegnate, diari o notebook di artisti diversissimi, da Nan Goldin a Mario Merz, e poi i graffiti di Keith Haring e Mircea Cantor, la denuncia di Shirin Neshat espressa attraverso la scrittura Farsi, le storie raccontate tramite costellazioni grafiche a parete da Nedko Solakov o Peter Friedl.

Sophie Calle
Sophie Calle

L’altra grande mostra in programma al Castello s‘intitola Ma(d)re (11 ottobre-16 febbraio), dedicata a Sophie Calle. Protagonista indiscussa della scena internazionale, l’artista francese propone un lavoro site-specific per le sale auliche al secondo piano del museo, costruito a partire da due importanti progetti in corso da diversi anni: Rachel, Monique, sulla morte della madre, e Voir la mer, videoinstallazione sul mare di Istanbul. L’artista lavora da sempre intorno a temi intimi ed emotivamente complessi, quali il distacco da una persona cara, la rottura amorosa, le relazioni personali, la sfera del privato, fondendo piano emozionale, epico e filosofico.  Utilizzando oggetti, video e testi, i suoi progetti uniscono precisione ed ossessione, come delle mise en place di taglio teatrale, prive di spettacolarizzazioni sceniche. Perseguendo un effetto insieme nostalgico e liberatorio.

–          Claudia Giraud

www.castellodirivoli.org

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).