Faenza in sostegno di Ravenna 2019. Patrick Tuttofuoco e Natascia Fenoglio in residenza al Museo Carlo Zauli. Sperimentando con la ceramica

Si chiama What if? la piattaforma di eventi pensata per le città e i territori che sostengono la candidatura di Ravenna a Capitale Europea della Cultura 2019. Fra le tappe di questo progetto diffuso non poteva mancare Faenza, col suo gioiello contemporaneo, consacrato all’arte e al design, che è il Museo Carlo Zauli. Qui prende […]

Patrick Tuttofuoco e Natascia Fenoglio

Si chiama What if? la piattaforma di eventi pensata per le città e i territori che sostengono la candidatura di Ravenna a Capitale Europea della Cultura 2019. Fra le tappe di questo progetto diffuso non poteva mancare Faenza, col suo gioiello contemporaneo, consacrato all’arte e al design, che è il Museo Carlo Zauli. Qui prende vita Transiti, progetto di residenze d’artista nato proprio nell’ambito di Ravenna 2019 per sviluppare un’idea di attraversamento creativo e culturale, che possa mettere in contatto concreto gli artisti, la città, le persone.
Dal 24 al 30 giugno 2014 approderanno al MCZ di Faenza Patrick Tuttofuoco, artista italiano, classe ‘74, da molti anni residente a Berlino, e la designer Natascia Fenoglio, docente alla NABA di Milano, specializzata nel campo del food design. La sfida? Confrontarsi, naturalmente, con il linguaggio della ceramica, interpretando la connotazione identitaria del luogo e del museo stesso. L’idea è quella di lavorare sull’interpretazione del volto dell’altro, creando delle maschere in porcellana, poi trattate e dipinte: oggetti preziosi, nati da un’esperienza di confronto interpersonale e di dialogo territoriale, da presentare al pubblico nell’autunno 2014, con una mostra.

Museo Carlo Zauli - Faenza
Museo Carlo Zauli – Faenza

Ma non saranno soli, i due residenti. Con loro due studentesse provenienti dalla National Academy of Arts di Sofia (Bulgaria), attualmente in Italia per l’Erasmus all’ISIA, due studenti del Liceo Artistico Ballardini e una studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, iscritta al Corso per Curatori del museo. A fianco di Tuttofuoco, inoltre, due esperte della materia: la ceramista Aida Bertozzi, nel ruolo di assistente, e l’artista svedese Eszter Imre, ceramista e designer.
Una settimana, quella di Transiti, che si preannuncia densa di appuntamenti, occasione speciale per gli artisti ma anche per il pubblico faentino, coinvolto direttamente: in programma diverse attività, incontri, laboratori, visite guidate rivolti ai bambini, alle scuole, alla comunità artistica  del territorio e a tutta la cittadinanza. E proprio i cittadini avranno un ruolo cruciale anche nell’organizzazione e nel rito dell’ospitalità: saranno loro, grazie alla collaborazione con l’Associazione Gemellaggi Faenza, ad accogliere in casa artisti e collaboratori. Trasformando la consueta permanenza in hotel o in foresteria in un’esperienza intima, domestica, di autentica e reciproca conoscenza.

www.museozauli.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.