Alberto Di Fabio a Ginevra, immagini della mostra da Gagosian e della conferenza al CERN. E in autunno si replica: con una residenza al centro nucleare assieme ad Anselm Kiefer

Arte e scienza, dialogo sempre aperto e ricco di declinazioni. Per lui, poi, un elemento centrale, in tutto il suo percorso creativo: lui è Alberto Di Fabio, e proprio su questa linea si iscrive – ve ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi – il suo ultimo progetto espositivo, che a Ginevra mette insieme una […]

Alberto Di Fabio al Cern, Ginevra

Arte e scienza, dialogo sempre aperto e ricco di declinazioni. Per lui, poi, un elemento centrale, in tutto il suo percorso creativo: lui è Alberto Di Fabio, e proprio su questa linea si iscrive – ve ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi – il suo ultimo progetto espositivo, che a Ginevra mette insieme una personale nella sede svizzera di Gagosian e una conferenza al CERN, l’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare.
Al famoso centro scientifico, al centro dell’attenzione per gli studi sulla cosiddetta particella di Dio, Di Fabio è legato dal dialogo stretto con Fabiola Gianotti, portavoce del progetto ATLAS, coinvolto proprio nella scoperta nel 2012 del bosone di Higgs. Temperie che poi ricorrono nei suoi dipinti, anche in alcuni di quelli presentati nella mostra ginevrina. E il legame con il CERN si consoliderà ulteriormente in autunno, quando l’artista sarà ospitato direttamente al centro per una residenza di studio di tre settimane, durante le quali lavorerà in equipe con alcuni ricercatori condividendo l’apporto creativo e spirituale al dibattito nientemeno che con il grande Anselm Kiefer.

Fino al 24 maggio 2014
Gagosian Gallery
19 place de Longemalle, Ginevra
www.gagosian.com
www.cern.ch

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.