Russia, Turchia e Brasile. Questi le aree su cui scommette il MIPIM 2014, che a Cannes richiama il mondo immobiliare globale: con tante archistar in vetrina

È uno dei principali eventi internazionali dedicati ai professionisti del settore immobiliare, diventato ormai il principale momento di incontro e scambio per creare network a livello globale. Obiettivo principale di MIPIM, giunto a Cannes alla sua 25° edizione, è fornire una piattaforma internazionale ai leader del settore per connettersi tra loro e fare vero e […]

È uno dei principali eventi internazionali dedicati ai professionisti del settore immobiliare, diventato ormai il principale momento di incontro e scambio per creare network a livello globale. Obiettivo principale di MIPIM, giunto a Cannes alla sua 25° edizione, è fornire una piattaforma internazionale ai leader del settore per connettersi tra loro e fare vero e proprio business face-to-face. Attraverso il suo ricco piano espositivo e il vasto programma di conferenze ed eventi, il MIPIM consente ai partecipanti di trovare, ad esempio, nuovi partner, chiudere offerte e scoprire i progetti che approfondiscono le ultime tendenze del mercato. Organizzato da REED MIDEM, società francese specializzata nell’organizzazione di piattaforme professionali, muove – dall’11 al 14 marzo – un numero sempre crescente di figure: 2mila le compagnie coinvolte, 80 paesi ospitati, 20mila partecipanti, 460 giornalisti accreditati, 3mila CEOs e conferenzieri, 4300 investitori.
Dalla sua creazione, il MIPIM ha accompagnato passo passo la crescente internazionalizzazione del settore immobiliare, offrendo oggi una nuova modalità per affrontare le sfide e individuare nuove opportunità, in risposta alla crescente preoccupazione ambientale, alla scarsità di finanziamenti, e al cambiamento delle abitudini dei consumatori. Una quattro giorni intensa per il numero di eventi e conferenze proposti, con highlights dedicati a tre paesi emergenti: si comincia con la Russia, poi con la Turchia e infine col Brasile. Saranno inoltre premiati per il MIPIM AWARD2014 nelle rispettive categorie – Best Futura Projects, Best Innovative Green Building, Best Office&Business Development, Best Refurbished Building, Best Residential Development, Best Shopping Centre, Best Urban Regeneration Project – i progetti finalisti ( 4 per sezione) selezionati da una giuria presieduta da Micheal Strong, Executive Chairman–EMEA, UK.
Altissimo il livello qualitativo delle proposte in gara, più o meno realizzate, che vedono, tra gli altri: BIG con le Hualien Residences in Taiwan, gli AEDAS con vari progetti sparsi in Cina, lo studio WILKINSON EYRE/GRANT Associates a Singapore con gli scenografici ed ecologici giardini botanici Gardens by the Bay, HENNING LARSEN a Oslo, i 3XN a Copenaghen con la sede UN City, RAFAEL VINOLY a Londra per l’immensa riqualificazione del Battersea Power Station, DANIEL LIBESKIND con un complesso mixed-use a Dusseldorf, i Wingårdhs ARKITEKTER con l’ Emporia Shopping Centre a Malmö…

– Giulia Mura

www.mipim.com

CONDIVIDI
Giulia Mura
Liceo classico E.Q.Visconti, laurea triennale in Arredamento e Architettura di Interni presso l’Università la Sapienza – Valle Giulia con tesi sperimentale in museografia (prof.ssa Daniela Fonti e Rossella Caruso), e master in “European Museology” presso la Iulm di Milano (prof. Massimo Negri) . Da qualche anno collabora con il prof. Luigi Prestinenza Puglisi , con cui collabora presso il laboratorio PresS/T factory nel ruolo di organizzatrice di Mostre ed Allestimenti presso la Casa dell’architettura- Acquario Romano, nonché come giurata nei concorsi e assistente all’Università Ludovico Quaroni, facoltà di disegno industriale. Scrive per www.presS/Tmagazine.it, per la rivista araba Compasses (www.compasses.ae) e per Artribune (www.artribune.com). Attualmente impegnata come junior curator per la seconda edizione di Worldwide Architecture, edizioni Utet e consulente museologia al museo Mafos ( Museo e Archivio di Fotografia storica), Roma.