Kaufmann/Repetto NY reloaded. Immagini dall’opening della personale di Judith Hopf a Chelsea, per un project space che diviene sempre più permanente…

Con l’intento di allargare il programma espositivo anche a New York, Francesca Kaufmann e Chiara Repetto inaugurano una mostra personale di Judith Hopf presso il project space della Andrew Kreps Gallery, a Chelsea, sempre più sede newyorchese delle due galleriste di Milano. Cracking Nuts, ispirata a Claude Levi-Strauss, è una mostra che gioca con due […]

Con l’intento di allargare il programma espositivo anche a New York, Francesca Kaufmann e Chiara Repetto inaugurano una mostra personale di Judith Hopf presso il project space della Andrew Kreps Gallery, a Chelsea, sempre più sede newyorchese delle due galleriste di Milano.
Cracking Nuts, ispirata a Claude Levi-Strauss, è una mostra che gioca con due opposti, il nascosto e l’evidente. Una video/tenda cela e rivela una storia di un uomo coperto da un guscio d’uovo. Dall’altro lato, sculture a forma di volatili neri si impossessano dello spazio, nascondendo sotto la lucida superficie di ceramica un corpo fatto di scatole di medicinali. Un ironico riferimento al Birdwatching che capovolge anche la funzione e posizione dello spettatore che si riflette nei quadri di pellicola specchiante e diventa parte integrante dello show.
In contemporanea, negli spazi principali di Andrew Kreps – consorte di Chiara Repetto – inaugura Sacrifice Your Body, mostra personale dell’artista statunitense Roe Ethridge: una combinazione che attira in una tranquilla serata di sabato un gran numero di visitatori, e che conferma la scelta vincente di collaborazione tra attività internazionali affini e promette alla galleria milanese un ingresso con la giusta marcia sulla scena della capitale dell’Arte. Nella gallery, le immagini dell’opening…

– Sarah Corona