Jackson Pollock secondo Gabriele Di Matteo. Una mostra al Pecci di Milano e un appuntamento con i Martedì Critici. Dialoghi per una riproduzione differente

Primo incontro dell’anno per i Martedì Critici, che ripartono dal Pecci di Milano, ormai tra le sedi abituali del notissimo ciclo di art talk. Ed è proprio nel segno di una connessione forte col museo che si inaugura questo nuovo blocco milanese: protagonista di una conversazione con Alberto Dambruoso, Marco Bazzini ed Elisabetta Longari è infatti Gabriele Di Matteo,  fino al […]

Gabriele di Matteo, Jackson Pollock / Life

Primo incontro dell’anno per i Martedì Critici, che ripartono dal Pecci di Milano, ormai tra le sedi abituali del notissimo ciclo di art talk. Ed è proprio nel segno di una connessione forte col museo che si inaugura questo nuovo blocco milanese: protagonista di una conversazione con Alberto DambruosoMarco Bazzini ed Elisabetta Longari è infatti Gabriele Di Matteo,  fino al prossimo 16 febbraio ospite del Pecci con la personale Toute une vie, tous les éléments, tous les document. Una mostra concepita in forma di tributo e relazione con uno dei maestri del secondo Novecento, con cui l’artista inaugurò nel 2008 un ideale dialogo in chiave pittorica: il progetto, qui esposto per la prima volta nella sua interezza, si concentra sulla riproduzione delle settanta fotografie che illustrano la biografia di Jackson Pollock, insieme alle lettere e ai documenti contenuti nel catalogo della sua celebre retrospettiva del 1982 al Centre Pompidou. Col tipico impasto di bianchi, neri e grigi che contraddistingue la pittura morbida, evocativa e insieme realista di Di Matteo, il corpus racconta la parabola privata, estetica, poetica del padre dell’action painting, sfruttando quel principio della “riproduzione differente” adottato oltre vent’anni  fa dall’artista di origini partenopee.

Gabriele di Matteo, Jackson Pollock / Life
Gabriele di Matteo, Jackson Pollock / Life

Un lavoro lento, meticoloso, concepito nell’ambito di un linguaggio tradizionale, ma che al contempo rivela una natura concettuale: avvalendosi dell’aiuto di abili copisti, Di Matteo punta sulla riproduzione perfetta di immagini scelte con cura dalla storia dell’arte o da vari archivi fotografici, operando spostamenti più o meno percettibili. Variazioni cromatiche, di scala o di singoli elementi, trasformano sottilmente l’originale in un doppio alterato, aprendo l’immagine alla differenza e mettendola in discussione attraverso la realtà ambigua della copia. Dove finisce il vero e dove inizia il falso? Qual è il confine dell’autorialità? Che rapporto c’è tra appropriazione, reinvenzione, interpretazione e tradimento? Cosa permane e cosa si disperde nel passaggio dalla superficie fotografica – che cristallizza il tempo  – alla materia calda della pittura, selvatica e infedele per natura?

– Helga Marsala

28 gennaio 2014
ore 19.30-21.30
Museo Pecci – Ripa di Porta Ticinese 113, Milano
Ingresso: libero
[email protected]com
www.imartedicritici.com
www.centropecci.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.