Si inaugura a Glasgow l’Arena SSE Hydro, ultimo gioiello di Foster + Partners. Eventi culturali e sportivi nell’involucro lenticolare che diventa anche megaschermo

È un concerto di Rod Stewart ad inaugurare stasera – 30 settembre – a Glasgow la nuova Arena SSE Hydro, progettata da Foster + Partners, edificio che sarà centrale nella riqualificazione dei Queen’s Dock della città scozzese, rafforzando le connessioni con il fiume Clyde. La Hydro sarà la prima struttura britannica della sua scala ad […]

È un concerto di Rod Stewart ad inaugurare stasera – 30 settembre – a Glasgow la nuova Arena SSE Hydro, progettata da Foster + Partners, edificio che sarà centrale nella riqualificazione dei Queen’s Dock della città scozzese, rafforzando le connessioni con il fiume Clyde. La Hydro sarà la prima struttura britannica della sua scala ad essere costruita appositamente per eventi pubblici, e potrà essere configurata anche come impianto sportivo per ospitare alcune competizioni dei prossimi Giochi del Commonwealth del 2014. Una serie di pinne in calcestruzzo inclinate sostengono l’arena ellittica, con una capacità di 13mila posti, ispirata agli antichi anfiteatri greci e romani e progettata in modo tale da avvicinare il pubblico al palco e assicurare una vista e un’acustica ottimale da ogni sedile.
Sormontata da un enorme tetto in acciaio reticolare che si estende per 120 metri, la Hydro combina ventilazione naturale e meccanica: l’aria fresca viene aspirata all’interno al di sopra degli ingressi, e ventilata ad un livello elevato per ridurre le emissioni di carbonio. L’involucro esterno è costituito da pannelli traslucidi in EFTE che consentono qualsiasi gioco di luci, trasformando l’edificio in un enorme schermo per le proiezioni e in un faro colorato, in diretto dialogo con il waterfront cittadino.
L’arena “permette una grande libertà nella realizzazione degli eventi, e visivamente, la sua forma aiuta a catturare l’emozione di un concerto. Siamo stati molto felici di avere l’opportunità di lavorare ancora una volta con SECC, quasi diciott’anni dopo il Clyde Auditorium. La realizzazione della SSE Hydro è stata un grande lavoro di squadra ed è fantastico vedere l’arena prender vita per il suo primo concerto”, ha dichiarato Spencer de Grey, a capo della Sezione Design di Foster + Partners.

– Marta Veltri

www.thehydro.com/default.aspx
www.fosterandpartners.com

CONDIVIDI
Marta Veltri
Marta Veltri (Cosenza, 1983) si è laureata in architettura a Roma con una tesi sull'allestimento museale delle Terme di Caracalla. Subito dopo ha fatto parte del team che ha dato alla luce UNIRE, progetto vincitore dell'ultimo YAP (Young Architects Programs) MAXXI, sempre a Roma. Ha collaborato con studi d'architettura italiani e stranieri, approfondendo il complesso rapporto tra architettura, design, arte e fotografia. Negli ultimi tempi si è avvicinata al mondo della comunicazione in ambito artistico e culturale. Dal 2012 scrive per Artribune.