Blixa Bargerld, Teho Teardo, e poi film dedicati a Gerhard Richter e Gilbert & George. Al via in Alto Adige la tredicesima edizione di Transart, Festival di cultura contemporanea

“Vivo mettendo in relazione cose che prima non erano collegate”: così Blixa Bargeld riassume la propria ricerca dell’opera d’arte totale. Bargeld, fondatore degli Einstürzenden Neubauten, chitarrista e cantante dei Nick Cave and the Bad Seeds, torna a Transart per tre interessanti appuntamenti: assieme al compositore italiano Teho Teardo presenterà l’album Still Smiling, incontrerà il pubblico […]

Blixa Bargeld e Theo Teardo (©Thomas Rabsch)

Vivo mettendo in relazione cose che prima non erano collegate”: così Blixa Bargeld riassume la propria ricerca dell’opera d’arte totale. Bargeld, fondatore degli Einstürzenden Neubauten, chitarrista e cantante dei Nick Cave and the Bad Seeds, torna a Transart per tre interessanti appuntamenti: assieme al compositore italiano Teho Teardo presenterà l’album Still Smiling, incontrerà il pubblico (in dialogo con Martin Hanni, giornalista culturale e cantante punk rock) e introdurrà il testo dadaista dello scrittore tedesco Walter Serner Die letzte Lockerung – das dadaistische Manifest, nell’ambito del progetto Biblioteca degli Eremiti. “Era il 1997 quando gli artisti Stefan Micheel e Hans Winkler trasformarono una capanna disabitata nel silenzio dei monti attorno al confine del Brennero in una Biblioteca degli Eremiti. Più di trenta scrittori e filosofi vennero invitati a dare i loro suggerimenti per ampliare il ‘fondo bibliotecario’. Nel 2001 la biblioteca venne chiusa a causa del maltempo e di una frana. Con i resti della struttura, Hans Winkler ha creato un progetto temporaneo dedicato alla fine della Biblioteca degli Eremiti”.
Transart, che tocca la sua edizione numero tredici, ha in cartellone dall’11 al 28 settembre molti altri appuntamenti, in diverse località dell’Alto Adige. Alcune segnalazioni. Il festival si aprirà con War sum up, proposto in prima italiana dalla compagnia danese Hotel Pro Forma: la guerra è il filo conduttore di questo spettacolo, in cui le forme tradizionali del teatro giapponese si uniscono a quelle pop dei Manga. La funivia che collega Bolzano all’altopiano del Renon sarà protagonista dell’installazione sonora Aui oi (su giù) della performer e artista visuale Ulrike Bernard e della sound artist Caroline Profanter, per trasformare un “normale” viaggio in funivia in una vera e propria esperienza sensoriale. Una performance di danza lunga quattro giorni al Museion di Bolzano: questo è Géographie, Bolzano, 2013, progetto presentato per la prima volta in Italia dalla compagnia di danza Les gens d’Uterpan, composta da Annie Vigier e Franck Apertet.
Due pellicole dedicate ad artisti che hanno rivoluzionato il XX secolo compongono la minirassegna Movie Mondays: With Gilbert & George, pellicola di Julian Cole e Gerhard Richter Painting, documentario di Corinna Belz che indaga la creazione di dipinti astratti di grandi dimensioni, la tecnica esecutiva con pennello e spatola e le riflessioni di Richter sul proprio processo creativo.

– Michele Pascarella

www.transart.it

CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.