Alla sbarra la sedicente art dealer che ha causato la chiusura della storica Knoedler Art Gallery: rischia 59 anni di carcere Glafira Rosales, che ha spacciato Pollock e Rothko falsi per un giro d’affari di 80 milioni di dollari

Quando si tratta di truffa, in quel di New York, sono disposti a buttare via la chiave. Rischia fino a un massimo di cinquantanove anni di carcere la sedicente art dealer Glafira Rosales, a processo nella Grande Mela per un clamoroso caso che ha visto immettere sul mercato dell’arte, dal 1994 al 2009, oltre sessanta […]

La fu Knoedler Art Gallery di New York
La fu Knoedler Art Gallery di New York

Quando si tratta di truffa, in quel di New York, sono disposti a buttare via la chiave. Rischia fino a un massimo di cinquantanove anni di carcere la sedicente art dealer Glafira Rosales, a processo nella Grande Mela per un clamoroso caso che ha visto immettere sul mercato dell’arte, dal 1994 al 2009, oltre sessanta falsi d’autore. Ci sono i Jackson Pollock, i Mark Rothko e i Willem de Kooning: tutti spacciati come inediti scovati in collezioni private spagnole e svizzere (che nemmeno esistono, hanno scoperto gli inquirenti), tutti rifilati a due gallerie con sede a Manhattan e da qui rivenduti a ignari collezionisti.
Il volume di affari è stimato complessivamente attorno agli 80milioni di dollari, 33 quelli intascati direttamente dalla Rosales, 56 anni, che per questa vicenda colleziona capi di imputazione nemmeno fossero le figurine Panini. Perché se ricavi cifre a sei zeri dal commercio illegale di opere d’arte fasulle hai qualche difficoltà a giustificare gli importi in sede di dichiarazione dei redditi: e così finisci nel campo della frode fiscale e del riciclaggio, sommando accuse su accuse. E gli anni al gabbio che, in caso di condanna, crescono in proporzione esponenziale.
Il bubbone è scoppiato nel 2004, con l’allora presidente del gruppo Gucci Domenico De Sole che va con la moglie a fare compere dalle parti di Park Avenue, entra nella premiata Knoedler Art Gallery – fondata nel 1846, età da record – esce con un Rothko sotto il braccio e alleggerito di otto milioni e trecentomila dollari. Le credenziali della galleria sono inoppugnabili, come l’affidabilità della direttrice Ann Freedman: un po’ meno quelle dell’art dealer da cui la galleria si è rifornita. E il quadro si rivela ben presto essere una patacca. Da qui l’effetto domino, che porta alla progressiva scoperta di un numero impressionante di truffe: c’è un altro Rothko comprato nel 2002 dal trust intitolato a Martin Hilti per cinque milioni e mezzo, c’è il Pollock pagato nel 2007 da Pierre Lagrange la bellezza di diciassette milioni. C’è, in mezzo, l’ignominiosa chiusura della Knoedler, massacrata nella propria credibilità. Ed ora la resa dei conti…

 Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • Angelov

    Un senso di precarietà si fa strada
    anche nei luoghi e nelle cognizioni
    i meno sospettabili; forse
    se si mediterà sul fatto che
    per pagare i propri debiti con l’Estero,
    ai nostri fratelli d’oltre oceano,
    basta stampare banconote,
    e distribuirle al solo costo
    di carta ed inchiostro…

  • biagio antonacci castello

    Glafira Rosales…..un nome che è tutto un programma