Il mito delle Sorelle Fontana, tra Roma e Hollywood. Alla Fondazione Micol Fontana un seminario sugli abiti da sposa. Ricordando Linda Christian in bianco, 64 anni fa, accanto a Tyrone Power

Un archivio storico nato nel 1994. Un fondo che è anche un’associazione non-profit, con scopo divulgativo e di conservazione, tutto dedicato a uno straordinario capitolo della storia del fashion italiano: La Fondazione Micol Fontana, ente riconosciuto dalla Regione Lazio e dal Ministero per i Beni Culturali, raccoglie l’eredità del celebre atelier romano di alta moda Sorelle […]

1966, Janet Jennings Auchincloss, sorella di Jacqueline Kennedy Onassis, indossa per il suo matrimonio un abito delle Sorelle Fontana - courtesy Archivio Fondazione Micol Fontana, Roma

Un archivio storico nato nel 1994. Un fondo che è anche un’associazione non-profit, con scopo divulgativo e di conservazione, tutto dedicato a uno straordinario capitolo della storia del fashion italiano: La Fondazione Micol Fontana, ente riconosciuto dalla Regione Lazio e dal Ministero per i Beni Culturali, raccoglie l’eredità del celebre atelier romano di alta moda Sorelle Fontana, fondato nel 1943 dalle stiliste Micol, Zoe e Giovanna, pioniere del made in Italy, entrate nel mito grazie a una combinazione virtuosa tra spirito imprenditoriale, eccellenza sartoriale e sperimentazione creativa. Sempre nel segno di un’italianità riconosciuta e celebrata nel mondo.
Micol Fontana, cent’anni d’età e un background professionale dal valore inestimabile, diede vita 19 anni fa alla sua Fondazione, che oggi custodisce oltre 200 abiti d’epoca, una vasta raccolta di figurini, ricami ed accessori, e poi biblioteca, emeroteca, fondo fotografico. Una memoria storica preziosa, messa al servizio delle nuove generazioni, tra cui brillano alcune perle: dai modelli creati per donne celebri come Jacqueline Kennedy, Grace di Monaco, Soraya di Persia, ai costumi di scena disegnati per grandi attrici di Hollywood, da Elizabeth Taylor a Audrey Hepburn, da Ursula Andress a Ava Gardner, fino all’abito-icona che indossò Linda Christian nel 1949, per il giorno del suo matrimonio romano con l’attore Tyrone Power.

1949 - Linda Christian e Tyron Power nel giorno del loro matrimonio, a Roma
1949 – Linda Christian e Tyron Power nel giorno del loro matrimonio, a Roma

Ed è proprio il tema della “sposa” ad aver connotato la produzione dell’Atelier Sorelle Fontana, grazie a un gusto, uno stile e una ricercatezza che fecero epoca, per il più classico degli abiti femminili. Oggi, a distanza di 64 anni da quello sfavillante matrimonio capitolino in salsa hollywoodiana, la Fondazione Micol Fontana propone un Seminario dedicato all’abito da sposa; iscrizioni aperte fino al prossimo 15 aprile, mentre le lezioni si concentreranno tra il 15 e il 17 maggio. Tutti i seminari dell’Atelier si rivolgono a studenti di Accademie, Corsi Universitari o Istituti Superiori a indirizzo moda, con l’obiettivo di fornire stimoli creativi, nozioni tecniche e informazioni storiche, consentendo di venire a contatto con un tesoro da osservare, consultare, toccare e a cui ispirarsi: abiti, disegni, riviste, accessori, fotografie, tessuti.
Oltre alla Christian, altre donne celebri giunsero all’altare indossando creazioni targate Fontana: la stessa Hepburn e poi Margaret Truman, la Principessa Mariapia di Savoia, la Principessa Melba Ruffo di Calabria.

– Helga Marsala

Fondazione Micol Fontana
Via S. Sebastianello, 6 – Roma
info: Tel: 06 6787613; Fax: 06 6781610
www.micolfontana.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • luana maiorana

    Meravigliosi abiti da sposa, sogno di tutte le donne, che rappresentano il gusto e lo stile italiano…